Fratelli uccisi ad Arzana dopo lite per l’eredità, 86enne condannato a 30 anni di carcere

Peppuccio Doa, 86 anni, di Arzana, è stato condannato a 30 anni di reclusione. Nel giugno del 2016 uccise a pistolettate i fratelli Andrea e Roberto Caddori, di 43 e 46 anni. Secondo le accuse della Procura l’omicidio matura in un quadro di tensione per questioni relative all’eredità della sorella dell’anziano

Peppuccio Doa, 86 anni, di Arzana, è stato condannato della Corte d’Assise di Cagliari a 30 anni di carcere. Nel giugno del 2016 uccise a pistolettate i fratelli Andrea e Roberto Caddori, di 43 e 46 anni. Secondo le accuse della Procura l’omicidio matura in un quadro di tensione per questioni relative all’eredità della sorella di Doa. L’anziano (reo confesso) era difeso dall’avvocato Pier Luigi Concas.


In questo articolo: