Francesca di Serdiana: “Niente assegni unici per i miei due figli, viviamo in 3 con 1100 euro al mese”

È tra chi può ottenere 400 euro mensili, Francesca Spanu. Ma i soldi non sono mai arrivati: “Mi spettano, il Governo è già in ritardo di 1640 euro. Il mio umile stipendio è insufficiente per soddisfare le esigenze familiari. Andrò all’Inps di Quartu e resterò lì sino a quando non apparirà sul mio conto la cifra dovuta”

Ha 45 anni, due figli minorenni e porta a casa, ogni mese, uno stipendio “di 1100 euro”, Francesca Spanu, residente a Serdiana. La donna, da marzo, attende di incassare “l’assegno unico universale per i figli a carico”. È una misura prevista dal Governo Draghi, soldi che spettano a chi ha uno o più figli sotto i diciotto anni ai quali badare e determinati requisiti. Peccato che, però, la Spanu non abbia visto, sinora, nemmeno un centesimo. Sul suo conto risulta un’assenza, economicamente parlando, già pesante: “1640 euro”. La 45enne ha scritto alla nostra redazione. Ecco, di seguito, il suo sos.
“È praticamente dal mese di marzo, mese in cui è entrato in vigore l’assegno unico universale per figli a carico, che non ricevo il pagamento degli assegni spettanti ai miei due figli minori. Dopo innumerevoli chiamate e email e decine di disposizioni di pagamento, segnate nel mio fascicolo previdenziale, non ho ancora ricevuto un euro per una somma totale di 1640 euro . La cifra mancante, per quanto possa sembrare irrisoria, ha gravato notevolmente sul mio bilancio familiare in quanto sono anche mamma, separata, con figli a carico al 100% e il mio umile stipendio di 1100 euro al mese, senza più l’introito degli assegni familiari, non è più sufficiente per soddisfare le esigenze familiari e le spese sostenute. Per finire in bellezza, oggi avrei dovuto ricevere il pagamento che invece, come segnalato sul mio fascicolo previdenziale, non è stato accreditato.  Ho un appuntamento allo sportello Inps di Quartu Sant’Elena, sede di mia competenza, per avere dei chiarimenti. È mia intenzione non lasciare gli uffici finché sul mio conto non apparirà la cifra dovuta. Qualche altra famiglia, oltre a me, ha riscontrato o sta riscontrando lo stesso problema?”.


In questo articolo: