Francesca Barracciu: “Sul Ppr l’ennesima sceneggiata di Cappellacci”

La candidata del Pd contro il piano paesaggistico dei sardi


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Francesca Barracciu, la candidata del Pd vincitrice delle primarie, prende posizione contro Cappellacci sulla vicenda del Ppr: “La propaganda sul presunto Piano paesaggistico regionale, di cui non si conosce neppure la relativa delibera di Giunta, fa il paio con quella sulla zona franca e segue la sceneggiata in ordine alla modifica dell’articolo 10 dello Statuto sardo. Ritengo che il metodo prima ancora del contenuto, scelto dal presidente della Regione per affrontare i temi cruciali dello sviluppo nell’Isola, sia dannoso e inutile per la Sardegna e serva soltanto a certificare il fallimento della legislatura Cappellacci. Appare, infatti, strumentale a coprire l’incapacita’ di governo di questi anni la riproposizione di un nuovo braccio di ferro con lo Stato, insieme con il rivendicare competenze più o meno ampie col Mibac in materia di programmazione urbanistica e paesaggistica. La verità è che Cappellacci è ormai arrivato alla fine del suo mandato senza aver mantenuto le promesse fatte agli elettori e gli impegni programmatici assunti con i suoi alleati. Il principale dei quali riguardava proprio il nuovo piano regionale paesaggistico che, a distanza di cinque anni dall’insediamento del governo Cappellacci, ha cambiato solo il nome. Cinque anni sprecati a fare piani casa e leggi sul golf  per aggirare furbescamente il PPR anziche’ fare subito e seriamente cio’ che ritengo fosse e sia necessario per garantire sia la certezza del diritto in materia urbanistica sia la tutela paesaggistica in armonia col Codice Urbani, ossia: approvazione della legge urbanistica regionale, finanziamento ai comuni per i PUC, semplificazione burocratica. Niente di tutto ciò è’ stato fatto. Per questo ho fiducia che i sardi sappiano riconoscere l’intento esclusivamente elettoralistico dell’ultima iniziativa promossa dal presidente della Giunta, e sono certa che i sardi liberi dimostreranno di essere conseguenti, accordando la loro fiducia al centrosinistra per un governo della Regione trasparente ed efficace che riuscirà a porre rimedio alle incompiute di Cappellacci anche in materia urbanistica”.


In questo articolo: