Il leghista Fontana presidente della Camera, ma nel centrodestra volano stracci

Forza Italia lo vota, contrariamente a quanto aveva fatto ieri con La Russa, ma la tensione è alle stelle. Al centro della guerra fredda Licia Ronzulli, l’ex infermiera dalla carriera politica senza intoppi, che Berlusconi vuole ministro e la Meloni proprio no. E sul banco del cavaliere spunta un biglietto: “Il comportamento di Giorgia Meloni supponente, prepotente, arrogante e offensiva, con lei non si può andare d’accordo”.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Anche la Camera dei deputati ha il suo presidente. Si tratta del leghista Lorenzo Fontana, eletto questa volta anche con i voti di Forza Italia ma in un clima da guerra fredda che nel centrodestra è esploso ieri, dopo giorni di tensione per le scelte sui prossimi ministri, quando sono mancati proprio i voti degli azzurri a Ignazio La Russa, presidente del Senato, eletto con 18 voti dell’opposizione. Caccia a chi è stato, naturalmente: primo sospettato il terzo polo, ma Renzi nega e anzi dice che se fossero stati loro lo avrebbe rivendicato con orgoglio. Al di là di chi è stato, il dato politico è che ieri il centrodestra ha dimostrato di avere già problemi al suo interno, ancor prima di iniziare la legislatura.

E sul banco di Berlusconi, unico di Forza Italia insieme a Casellati a votare La Russa, spunta un biglietto che sicuramente non contribuirà a rasserenare il clima. Scritto a mano di suo pugno, un elenco di aggettivi per definire il “comportamento di Giorgia Meloni: supponente, prepotente, arrogante e offensiva, con lei non si può andare d’accordo”.

Del resto, la vincitrice delle elezioni aveva messo da subito le cose in chiaro: il governo deve essere inattaccabile e di alto profilo. Partendo da questo presupposto, il no all’ingresso di Licia Ronzulli che ha scatenato la guerra fredda fra Berlusconi e Meloni: è lei al centro degli scontri e dei conflitti, perché Berlusconi la vuole a tutti i costi ministro, dicendo addirittura che sfiduciare lei è come sfiduciare lui, ma la leader di Fratelli d’Italia non ne vuole sapere di incoronare ministra la ex infermiera dalla stratosferica carriera politica.


In questo articolo: