Follia a Elmas, due passeggeri in ritardo “inseguono” con i trolley l’aereo sulla pista

Hanno perso troppo tempo bevendo drink al bar e, pur di raggiungere il loro volo per Londra, hanno aperto una porta d’emergenza arrivando sin sotto l’areo, già in fase di manovra. Dopo la “folle bravata”, per un 40enne inglese e un 54enne sardo arriva una multa da infarto

Un drink e poi un altro drink, bevuti in uno dei bar dell’aeroporto di Elmas in tutta tranquillità, nonostante la voce dell’altoparlante avesse già chiamato, per ben tre volte, tutti i passeggeri che si dovevano imbarcare sul volo Easyjet diretto a Londra. Tra chi si sarebbe dovuto sedere su quelle poltroncine c’erano anche loro: un 40enne inglese e un cinquantaquattrenne sardo un po’ “distratti”. Quando si sono resi conto che non potevano più imbarcarsi in modo “normale”, hanno deciso di tentare la carta della “follia”: hanno forzato una delle porte allarmate dello scalo cagliaritano e, trolley in mano, si sono messi a correre sino alla pista, a pochissimi metri dall’aereo, già in fase di manovra. I poliziotti in servizio al Mario Mameli, avvisati dal sistema di allarme della porta, sono riusciti a raggiungere i due uomini. Dopo averli allontanati dalla pista, gli agenti – coordinati dal dirigente Mimmo Bari – hanno identificato i due.

 

Ed è proprio in quei momenti che la coppia di passeggeri “mancati” avrebbe addirittura protestato: “Ma come, già abbiamo perso il volo, ora ci fate pure la multa?”. Già, perchè quanto hanno combinato null’altro è che un reato bello e buono: attraverso il consolato, riceveranno nelle loro case londinesi il foglio con la contravvenzione di 2064 euro. A testa.


In questo articolo: