“Follia a Cagliari, nelle farmacie un tampone costa anche 13 euro: è un gioco al massacro”

La clamorosa denuncia dell’Adoc col suo presidente Giuliano Frau, i numeri della vergogna: “Mascherine Ffp2 più care del 37%, i tamponi non validi per il green pass costano il doppio rispetto a poche settimane fa. I farmacisti non sono commercianti, devono utilizzare il buon senso: non si è capito che siamo ancora, tutti, in una situazione drammatica?”

Aprire bene le narici, sì, ma anche il portafoglio. A Cagliari scoppia la polemica sul costo dei tamponi, e non sono nemmeno quelli validi per ottenere il green pass. A lanciare accuse molto pesanti, “ma non riguardano tutti i farmacisti”, è il presidente sardo dell’Adoc, Giuliano Frau. Snocciola dati e numeri, soprattutto questi ultimi, e percentuali. Negli ultimi giorni del 2021 per avere la certezza di essere, incrociando le dita, negativi al Coronavirus, anche chi è vaccinato deve mettere in conto una spesa superiore rispetto a poche settimane fa: “C’è un aumento sconsiderato dei prezzi, i farmacisti non possono pensare di trasformarsi in commercianti, hanno un compito ben preciso”, tuona Frau. Partendo dalle mascherine più protettive, le Ffp2: “Costano, in varie farmacie, il 37% in più rispetto al passato. E i tamponi, che prima costavano 7,90 euro, ora arrivano anche a tredici euro. E i distributori hanno già avvisato le farmacie che ci sarà un ulteriore aumento. Questo, però, è un gioco al massacro mentre ci troviamo, per quanto riguarda il Covid, ancora in una situazione di emergenza. È una speculazione”, prosegue il numero uno sardo dell’Adoc, senza utilizzare mezzi termini.
“Abbiamo fatto un paragone tra una farmacia e una parafarmacia di Cagliari, la discrepanza tra un tampone comprato in un posto o in un altro è di ben cinque euro. Una cifra importante, e anche se non tutti i farmacisti stanno aumentando i prezzi va detto che qualcuno pensa di essere più ‘commerciante’ dei suoi colleghi. Questo è un gioco al massacro: servono buon senso e prezzi più bassi, non si può pensare di voler guadagnare anche quando si tratta dei bisogni, importanti, delle persone”..


In questo articolo: