Festa dell’Europa, con gli studenti anche i giocatori rossoblù

All’evento erasmus presenti oggi anche il Sindaco Massimo Zedda, e i calciatori del Cagliari neo promosso Roberto Colombo, Marco Capuano e Antonio Barreca. In serata cerimonia in ricordo delle 13 studentesse, sette italiane, che hanno perso la vita nel tragico incidente stradale in Catalogna. 

Presentata nell’area pedonale del Corso Vittorio Emanuele dal pro rettore Alessandra Carucci, la manifestazione ha avuto anche il supporto del sindaco Massimo Zedda e dei giocatori rossoblù Roberto Colombo, Marco Capuano e Antonio Barreca. In serata cerimonia in ricordo delle tredici studentesse, sette italiane, morte nell’incidente stradale in Catalogna

Da questa mattina l’università di Cagliari promuove  eventi diffusi e aperti con lezioni all’aperto, visite guidate, seminari, mostra fotografica, flashmob, concerti e cena con menù internazionale. Un mosaico di occasioni indispensabili per rafforzare l’identità del Vecchio continente, abbattere steccati e tabù, favorire integrazione e inclusione, scambio e relazioni culturali, accademiche e universitarie.

L“Europe Day” è stato curato dal prorettore per l’Internazionalizzazione, Alessandra Carucci, con il settore Mobilità studentesca guidato da Anna Aloi, la direzione Didattica e orientamento diretta da Pina Locci e la facoltà di Scienze economiche politiche e giuridiche, presieduta da Stefano Usai, coordinatore del master in Progettazione europea. Un pool qualificato per rimarcare gli obiettivi dell’ateneo in ambito internazionale.

Il Cagliari calcio e gli studenti. Grazie alla sensibilità della società di Tommaso Giulini, al lancio dei palloncini blu e gialli e al flash mob tenutosi nel corso Vittorio Emanuele, hanno preso parte anche i neo promossi in serie A con la maglia rossoblù, Roberto Colombo, Marco Capuano e Antonio Barreca. Il portiere e i due difensori si sono intrattenuti con gli studenti, hanno posato per le foto e condiviso di auspici di comunione internazionale dei giovani universitari di mezza Europa.

Città e ateneo. Alla giornata dedicata a condivisione e cooperazione comunitaria, è intervenuto anche il sindaco Massimo Zedda. L’”Europe day” si svolge dal 1964 e ricorda la nascita dell’Unione Europea. Oltre al tratto iniziale del corso Vittorio Emanuele – con sede Old Square per “A lezione con Jean Monnet”, curata dai docenti Christian Rossi, Marco Pignotti, Luca Melis – sono coinvolti nei festeggiamenti l’Orto Botanico (visita guidata in inglese, dalle 15 alle 17.30), il Campus Sant’Ignazio con “Cagliari città che accoglie” – cornice di concorso fotografico e mostra espositiva – e, dalle 18 alle 20, “È l’Erasmus che fa l’Europa” seminario che si tiene nell’aula A con la partecipazione del rettore, Maria Del Zompo. Dalle 20, sempre nel Campus Sant’Ignazio,  “Menù a 28 stelle”. La preparazione e l’ideazione di piccoli assaggi della tradizione enogastronomica europea sono curati dagli studenti della Scuola alberghiera di Monserrato. Al termine della cena, il concerto di musica jazz curato dagli allievi del Conservatorio di Cagliari e una breve esibizione del gruppo teatrale “Scena Erasmus”.

In ricordo delle tredici studentesse morte in Catalogna. Al termine della visita guidata in lingua inglese dell’Orto Botanico, si tiene una breve cerimonia di commemorazione con la messa a dimora di tredici piante in ricordo delle studentesse Erasmus, sette italiane, morte nell’incidente stradale del 20 marzo scorso a Frejinals, Spagna.


In questo articolo: