Ex circoscrizione via Cinquini:”Demolirla o presidio dei Carabinieri?”

Ancora un’incognita sul futuro del rudere ai piedi del colle di San Michele, l’ex “stabile del buco” meta un tempo degli eroinomani, oggi è ancora in una situazione di incognita. Alessandro Sorgia, Gruppo Misto: “Il sindaco solleciti Area e si decida al più presto che farne” 

Non si può più attendere, occorre decidere che cosa fare di quel rudere ai piedi del Colle San Michele: una vergognosa situazione di un ex stabile comunale che permane ancora in condizioni di inutilizzo, dopo la bonifica effettuata anni fa nel regno dei tossicodipendenti. Si era ipotizzato l’eventuale realizzazione di una caserma dei Carabinieri, ma nulla è stato ufficializzato e l’Arma per ora non si pronuncia. Il primo cittadino Massimo Zedda, nel frattempo, suggerisce la demolizione, per cancellare quell’inutile edificio simbolo dell’abbandono e sgradevole biglietto da visita per il rione. Altra ipotesi, a detta del consigliere comunale del Gruppo Misto, Alessandro Sorgia, che tra i banchi di palazzo Bacaredda ha ricordato il gruzzolo di 15 milioni di euro a disposizione per San michele e Is Mirrionis, una parte potrebbe essere impiegato per stilare un progetto definitivo con A.R.E.A. a beneficio della collettività. Ad oggi, chi va a correre nei pressi del parco o abita di fronte, si trova quella vergogna davanti al proprio naso: era stato anche proposta la realizzazione di alcuni giardini urbani curati dai cittadini, ma quell’obrobrio inguardabile è ancora al palo.

TELECAMERE E RECINZIONE. Da simbolo di degrado, ricettacolo di sporcizia e soprattutto, rifugio abituale di decine di tossici, quell’oscena cattedrale nel deserto al suo interno, nel tempo era diventata dimora di clochard, con fatiscenti ambienti pieni zeppi di siringhe, escrementi e un ambiente pericoloso per chiunque. Oggi cattedrale nel deserto. Oggi quello stabile vuoto è protetto da telecamere e da un allarme anti-intrusione, spesso i tossici saltano con facilità con il conseguente intervento di una guardia particolare giurata armata. 

LA STORIA. Nel 2013, su iniziativa dell’allora consigliere comunale Paolo Casu e del suo collega dell’Udc, Gianni Chessa, dopo parecchi anni di totale abbandono dell’ex stabile circoscrizionale, ci furono diverse segnalazioni scritte, protocollate, sia alla Asl 8 (Servizio Igiene Pubblica), alla Procura della Repubblica e per conoscenza, al Comune e agli uffici competenti, compreso il Comando di Polizia Municipale. Da lì a poche settimane dopo, la Asl 8 effettuò un sopralluogo mirato: gli ispettori sanitari scrissero nero su bianco lo stato dei luoghi, accertando la presenza di cumuli di siringhe e ogni altra porcheria all’interno di quella quattro mura fatiscenti, dove il via vai dei drogati era impressionante. Addirittura furono ipotizzati anche reati specifici e l’intimazione di provvedere al più presto alla pulizia di quel disastro a poche centinaia di metri lineari dalle abitazioni. Recuperare la struttura? Demolirla totalmente e lasciar spazio ai giardini urbani “adottati” dai cittadini? Tutte ipotesi, ma per ora tutto tace. A suo tempo, dopo le polemiche del caso, con un provvedimento urgente, il Comune di Cagliari incaricò la Se.Trand per il risanamento dei luoghi con la bonifica totale di quegli ambienti malsani. Furono raccolti decine di sacchi di rifiuti pericolosi, (smaltiti poi per legge in discarica), fu disposta per qualche mese la presenza fissa delle guardie giurate armate della “Alarm System” di Cagliari che installò anche telecamere ed allarme anti-intrusione. Oggi è tutto così, un rudere che ha visto in tanti anni soltanto abbandono e casi di emarginazione sociale, dato che all’interno dormivano anche giovani tossicodipendenti. Ai piani alti di via Cesare Battisti dove ha sede A.R.E.A, l’azienda regionale che si occupa dell’edilizia abitativa popolare, c’è un faldone di documenti con le proposte che saranno dibattute con gli uffici del Comune di Cagliari. L’obiettivo è decidere che fare con quel rudere ai piedi del Colle San Michele: una vergognosa situazione di un ex stabile comunale che giace ancora in condizioni di inutilizzo, dopo la bonifica effettuata anni fa nel regno dei tossici. Si era ipotizzato l’eventuale realizzazione di una caserma dei Carabinieri, ma nulla è stato ufficializzato e l’Arma per ora non si pronuncia. Il primo cittadino Massimo Zedda, nel frattempo, suggerisce la demolizione, per cancellare quell’inutile edificio simbolo dell’abbandono e sgradevole biglietto da visita per il rione. Altra ipotesi, a detta del consigliere comunale del Gruppo Misto, Alessandro Sorgia, che tra i banchi di palazzo Bacaredda ha ricordato il gruzzolo di 15 milioni di euro a disposizione per San michele e Is Mirrionis, una parte potrebbe essere impiegato per stilare un progetto definitivo con A.R.E.A. a beneficio della collettività. 

“L’occasione ora è propizia – ammette  Sorgia – nonostante ci sia già un’interrogazione da me presentata sul tema diversi mesi fa, senza alcun esito evidente, ho chiesto un’apposita seduta di consiglio comunale con la presenza dell’assessore regionale ai lavori pubblici, neo nominato e i rappresentanti di AREA per dibattere della situazione dell’edificio di via Cinquini e dei tanti stabili abbandonati di proprietà dell’ente regionale. Per questo vorremo anche delle risposte per i residenti di Sant’Elia che attendono notizie sulla mia mozione per i palazzoni Del Favero, Bodano e Gariazzo, per i quali esiste una mozione votata all’unanimità che giace ancora in municipio”.