Etica, politica e economia: un seminario all’Università di Cagliari

“Etica, politica ed economia. Una simbiosi necessaria”: è questo il titolo del primo seminario del ciclo di incontri organizzato dall’Università di Cagliari nell’ambito del percorso-concorso “UniCa per l’Etica”

“Etica, politica ed economia. Una simbiosi necessaria”: è questo il titolo del primo seminario del ciclo di incontri organizzato dall’Università di Cagliari nell’ambito del percorso-concorso “UniCa per l’Etica”. Relatore sarà il professor Aldo Pavan, docente di Economia aziendale della Facoltà di Scienze economiche, giuridiche e politiche, l’appuntamento è per mercoledì 28 marzo alle 16 nell’Aula magna del Rettorato.

Il progetto, fortemente voluto dal Rettore Maria Del Zompo, è nato per coinvolgere gli studenti in un percorso innovativo sull’etica, stimolarli alla creazione e alla condivisione di filmati in grado di sensibilizzare i cittadini sul tema, e promuovere la diffusione dei filmati (e del loro messaggio positivo) attraverso i canali social (facebook) così da poter raggiungere il più vasto numero di utenti possibili.

Con il seminario tenuto dal prof. Pavan si apre la prima fase del progetto, in cui i 142 studenti (di ben 46 corsi di laurea differenti) che hanno accolto l’invito dell’Ateneo studieranno il tema approfondendo tutte le possibili implicazioni sociali, per poi realizzare dei filmati che saranno messi in gara. I successivi appuntamenti si svolgeranno il 4 aprile, quando la professoressa Gabriella Baptist, docente di Filosofia morale della Facoltà di Studi umanistici, interverrà sul tema “Ripensare le virtù”, il 12 aprile con il Rettore, farmacologa di fama internazionale, che parlerà su  “Scienza, ricerca e etica”, e il 18 aprile con il seminario tenuto dal magistrato Mauro Mura su “Etica e processo penale”.

Accanto ai seminari, l’Università di Cagliari ha scelto di coinvolgere gli studenti che partecipano al progetto offrendo loro di partecipare a sei laboratori – tenuti dal prof. Antioco Floris, direttore del Centro per l’educazione ai linguaggi del cinema, degli audiovisivi e della multimedialità (CELCAM) – di videomaking e storytelling, facoltativi ma molto utili per comprendere le migliori tecniche per realizzare i filmati che concorreranno al premio finale.

Poi si aprirà la gara vera e propria: gli studenti dovranno creare i video, individualmente o in gruppo, che raccontino e spieghino il tema del concorso, e che saranno valutati attraverso un contest su facebook e da una giuria di esperti: in palio 6 premi in denaro (tre per il contest, tre assegnati dalla giuria), che vanno da 350 a mille euro.


In questo articolo: