Ethnikà e il messaggio lanciato a Cagliari: una vera città multietnica

Bilancio del primo maggio: oltre all’emozione per Sant’Efisio, gli stranieri che ci tendono la mano ci indicano che il futuro è già iniziato

La sagra di Sant’Efisio, la Fiera e Etnika a Monte Claro. Della 358° Sagra che dire: come sempre tutti i colori della Sardegna a Cagliari, la devozione e l’impegno dei volontari. Unica e colorata. Quello che colpisce di più è l’emozione di un padre: Carlo Dore, genitore dell’Alter Nos Giovani Dore, che a sua volta è stato protagonista di uno spettacolare saluto dalla sella. Alla Fiera si può fare di più. Passiamo oltre. A Monte Claro, ottava edizione della manifestazione “ETNIKA’. Importante e bella festa tra i popoli, incontro, di solidarietà e fratellanza multiculturali. In Via Cadello, nonostante il maestrale, migliaia di persone hanno partecipato al vivacissimo festeggiamento, insieme ad associazioni culturali e di solidarietà. Le rappresentanze di varie nazioni, i loro balli e i canti tradizionali di popoli di ogni continente. Quello è il mondo che vorremo: multietnico, multiculturale. La Sardegna e i popoli del mondo a Cagliari. Perciò è claro che sì, votiamo per Etnika. Il futuro è già iniziato. Ed è così che tutti lo vorremmo. Almeno credo. Gianfranco Carboni


In questo articolo: