Era stato trasferito dopo l’emergenza Covid a Cagliari: il centro di senologia torna al Binaghi

Era stato trasferito al San Giovanni di Dio, ora torna in via Is Guadazzonis. Il programma di screening mammografico per la prevenzione e la diagnosi precoce del tumore della mammella è rivolto alla popolazione femminile residente nella ASL di Cagliari compresa nella fascia d’età 50 – 69 anni


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Il nuovo Centro di senologia diagnostica, interventistica e di screening mammografico ritorna, dopo che era stato trasferito durante l’emergenza Covid al PO San Giovanni di Dio dell’AOU di Cagliari, al piano terra dell’ospedale R. Binaghi in via Is Guadazzonis.

“Il progetto di riallocazione dei servizi della ASL di Cagliari continua con un incessante lavoro che sta producendo i suoi frutti. Vogliamo riqualificare la funzione dell’ospedale Binaghi e come primo passaggio abbiamo trasferito il Centro di senologia riportandolo nella sua precedente sede – spiega il manager Marcello Tidore-. Siamo molto contenti di essere riusciti a riportare il Servizio in un ospedale centrale, dotato di parcheggi gratuiti, facilmente raggiungibile.  Siamo certi che sia un punto di riferimento per la comunità per il prezioso lavoro che svolge nella diagnosi e nella prevenzione del tumore al seno”. “Vogliamo incrementare gli screening oncologici, potenziando anche la tecnologia a disposizione del reparto – ha aggiunto il Direttore Sanitario Roberto Massazza – quello di oggi è il primo tassello in questa direzione”.

Il Centro, diretto dalla dott.ssa Maria Antonietta Barracciu, è dotato di una sala attesa e accettazione, di 5 diagnostiche mammografiche, 3 diagnostiche ecografiche e due sale refertazioni screening. Il team è composto da 6 medici radiologi, 8 tecnici di radiologia, 3 infermieri professionali e un OSS; nel servizio vengono effettuati gli screening mammografici per la prevenzione e la diagnosi precoce del tumore al seno, visite senologiche, mammografie, ecografie mammarie e interventistica senologica.

All’interno del reparto è inoltre presente un ambulatorio ecografico per l’esecuzione di ecografie internistiche e una sala referti della radiologia tradizionale.

Gli screening mammografici. Il programma di screening mammografico per la prevenzione e la diagnosi precoce del tumore della mammella è rivolto alla popolazione femminile residente nella ASL di Cagliari compresa nella fascia d’età 50 – 69 anni, per un totale di circa 100 mila donne ogni due anni (50000/anno), e prevede una lettera di invito diretto spedita dal Centro Screening della ASL n. 8, che fa capo al Servizio Promozione della Salute della ASL di Cagliari.

La senologia diagnostica. La senologia diagnostica, o screening spontaneo, si rivolge a donne che si presentano spontaneamente ad effettuare gli accertamenti (donne fuori dall’età di screening; donne sintomatiche; donne operate; donne con mutazione genetica BRCA1 E BRACA2), tramite richiesta del proprio medico di medicina generale. Prevede, oltre all’ esame mammografico, la visita senologica e l’ ecografia.

Le tecnologie in dotazione: 2 mammografi dedicati esclusivamente allo screening mammografico, 3 mammografi dotati di sistema tomosintesi, dedicati sia allo screening che alla senologia diagnostica, per esecuzione mammografie con mezzo di contrasto, 3 diagnostiche ecografiche, dove vengono eseguite ecografie diagnostiche, esami ecografici di secondo livello dello screening mammario, biopsie ecoguidate, Due sale refertazione screening e una sala per il counseling.

 

 


In questo articolo: