Emergenza sanità in Sardegna, aperti 4 nuovi ambulatori tra Cagliari e hinterland

La Asl 8 recluta camici bianchi nell’Isola. Da oggi aprono quattro nuovi ambulatori: due a Selargius, uno a Quartu e uno in via Carloforte nel capoluogo. Arrivano i medici di famiglia a Decimoputzu, Siliqua e Vallermosa

Medici di famiglia per Decimoputzu, Siliqua e Vallermosa e 4 nuovi ambulatori tra Cagliari e hinterland.  Prosegue l’attività di reclutamento dei medici di medicina generale messa in atto dalla Direzione Generale della Asl 8  sulla base delle graduatorie degli incarichi stilate dalla SC Medicina Convenzionata di Ares Sardegna per garantire l’assistenza primaria nei comuni della ASL di Cagliari.

A partire da oggi, infatti, 2 nuovi medici di famiglia, Giuseppe Pala e Danilo Coccodi, assumono l’incarico per fornire assistenza agli abitanti dei territori di Decimoputzu, di Siliqua e Vallermosa.

Tre, invece, gli ambulatori di nuova apertura che erogheranno l’assistenza ai cittadini dell’Area metropolitana:  Claudia Anna Salustro, aprirà un ambulatorio nel comune di Cagliari, in via Carloforte n. 55, partire dal 15 luglio prossimo. Marco Piras apre oggi un ambulatorio nel comune di Selargius, in via Calatafimi 83/A da oggi, sempre oggi, e allo stesso indirizzo apre l’ambulatorio Michela Demontis. L’ultimo è quello aperto oggi da Anna Martucci a Quartu, in via Leoncavallo, 55.

“Con questi altri incarichi ai medici di famiglia, che si aggiungono ai 12 assegnati la scorsa settimana- ha commentato Marcello Tidore, manager della ASL di Cagliari – stiamo riuscendo a coprire le zone carenti e a garantire un buon livello di assistenza primaria a tutti gli abitanti dei Distretti della ASL di Cagliari”.

Nei giorni scorsi, infatti, 8 nuovi medici di medicina generale e 4 nuovi pediatri di libera scelta hanno assunto l’incarico per assicurare i LEA nei comuni di Escolca, Assemini, Cagliari, Selargius, Decimomannu, Uta, Settimo San Pietro, Barrali e Maracalagonis cui si aggiungono ora i comuni di Selargius, Decimoputzu, Siliqua e Vallermosa.

“I Medici di medicina generale rappresentano un presidio fondamentale sul territorio – conclude Tidore – per la tutela della salute delle cittadine e dei cittadini ed è per questo che stiamo mettendo in campo tutte le soluzioni e il massimo impegno per non lasciare nessun paziente senza assistenza di base”.


In questo articolo: