Emergenza inquinamento, tre spiagge cagliaritane da “salvare”

Le spiagge del Mediterraneo selezionate sono 20, tra queste, anche tre della provincia di Cagliari: Giorgino oltre il Porto Canale, Giorgino al Villaggio Pescatori e Solanas a Sinnai. Per farle rientrare tra le 10 finaliste che saranno ripulite dai volontari Legambiente, è possibile scegliere la propria preferita entro il 31 marzo

Collegandosi al sito www.puliamolespiagge.it fino al 31 marzo è possibile votare le spiagge di Giorgino oltre il Porto Canale,  Spiaggia di Giorgino al Villaggio Pescatori e Solanas a Sinnai, facendole rientrare tra le 10 che saranno pulite dai volontari di Legambiente prima della stagione estiva.

L’emergenza globale dell’inquinamento marino, richiede infatti, secondo i tre partner dell’iniziativa, una presa di coscienza collettiva finalizzata a stimolare l’adozione di comportamenti più sostenibili attraverso la sensibilizzazione dei consumatori sui rischi dell’inquinamento marino e a produrre contemporaneamente un cambiamento concreto, grazie ad un’azione di pulizia in 10 spiagge italiane.

La bella iniziativa  promosso da   Procter & Gamble, con  Carrefour Italia per sostenere Legambiente e fornire un supporto concreto nella pulizia delle spiagge italiane con l’iniziativa: “PuliAMO le spiagge”.

Le spiagge del Mediterraneo selezionate sono 20 e, tra queste, anche tre spiagge della provincia di Cagliari: le spiagge di Giorgino oltre il Porto Canale, di Giorgino al Villaggio Pescatori e di Solanas a Sinnai. Per far rientrare queste tre spiagge tra le 10 finaliste, è possibile scegliere la propria preferita entro il 31 marzo, collegandosi al sito e votando.

L’emergenza dell’inquinamento marino è tracciata chiaramente dall’indagine Beach litter 2017 di Legambiente: su 62 spiagge italiane e in un’area monitorata pari a quasi 170 piscine olimpioniche sono stati trovati una media di 670 rifiuti ogni 100 metri di spiaggia. Se non si interverrà in maniera decisa, secondo le più recenti proiezioni scientifiche, nel 2050 in mare ci saranno più rifiuti di plastica che pesci.

E il Mediterraneo è una delle aree più colpite al mondo: secondo i dati dell’Unep, l’Agenzia delle Nazioni Unite per la protezione dell’ambiente, ogni giorno finiscono in mare 731 tonnellate di rifiuti. Una minaccia per tutti gli esseri viventi che vivono in contatto con l’ecosistema marino e che nei rifiuti possono rimanere intrappolati, feriti, intossicati o soffocati. Senza contare le conseguenze negative sull’intera catena alimentare e sulle attività economiche con danni meccanici a imbarcazioni e attrezzature da pesca, agli stock ittici, alti costi per la pulizia di mare e spiagge e impatti negativi sul turismo.

Una situazione non più tollerabile e di fronte alla quale P&G ha deciso di dare un supporto concreto impegnandosi con Carrefour Italia al fianco di Legambiente nella pulizia delle spiagge italiane, chiedendo ai consumatori due azioni semplicissime, sul sito www.puliamolespiagge.it : donare e votare la propria spiaggia preferita, per salvarla., i