Elmas, risveglio choc per una famiglia: “Ladri in casa, hanno rubato pc e 4 preziosi hard disk”

I malviventi sono entrati nell’abitazione di Marco Lutzu, ricercatore universitario: “Stavo dormendo con la mia compagna e mio figlio, hanno portato via telecamere e computer che valgono oltre diecimila euro. Sono disperato, dentro gli hard disk c’è un lavoro importantissimo che ho svolto all’estero, offro una ricompensa di mille euro”

Stava dormendo insieme alla sua compagna e al suo figlioletto di un anno, e non si è accorto di nulla. Marco Lutzu, ricercatore universitario di 40 anni, non li ha visti in faccia i ladri che, nella notte tra venerdì e sabato scorsi, sono entrati nella sua abitazione di via Dettori a Elmas. Dopo aver “forzato la porta scorrevole”, sono entrati e hanno rovistato un po’ ovunque, riuscendo a fuggire senza lasciare, a quanto pare, nessuna traccia. Il bottino, come si legge nella denuncia fatta ai carabinieri, è ingente: “Hanno rubato un borsone con dentro una telecamera Canon C100 e due obbiettivi 70/200 e 24/70, quattro hard disk, due pc di marca Asus, portafogli, patente e cinquanta euro in contanti”. Il portafogli, vuoto, è stato poi ritrovato: i malviventi l’hanno infilato “nella cassetta postale di una mia vicina di casa”. Il ricercatore è disperato e, attraverso Casteddu Online, lancia un appello: “Lavoro nella facoltà di Studi umanistici a tempo determinato. Gli hard disk non hanno nessun grosso valore economico ma contengono dati importantissimi, legati a un lavoro di ricerca che mi ha tenuto impegnato per molto tempo”. Lutzu precisa che “al momento del furto nella mia abitazione non avevo nessun impianto d’allarme e nessuna telecamera di sorveglianza, non ho la minima idea di chi possano essere i ladri. Adesso sto provvedendo ad installarle”.

 

Il materiale rubato, tutto “tecnologico”, potrebbe finire “in vendita su internet o in qualche mercatino. Sono pronto ad offrire anche mille euro di ricompensa a chiunque ritrovi tutta o parte dell’attrezzatura, in particolare le memorie esterne. Chiunque possa fornirmi notizie utili mi contatti in qualunque momento via Facebook”. Per contattare Marco Lutzu basta cliccare qui .