Elmas, la denuncia di una barista: “Un extracomunitario mi ha rubato il cellulare”

Ha dato le spalle alla cassa per preparare un cappuccino e, dopo pochi secondi, il suo cellulare era sparito. La rabbia di Veronica Atzori, barista del Caffè Serena: “Vale 900 euro, nel filmato della telecamera si vede la mano del ladro che prende il telefonino”

L’orario del video – pubblicato sui social “e portato ai carabinieri” – mostra le sei e sette minuti del due ottobre scorso. Una mano, all’improvviso, prende qualcosa da un bancone nero. “È il mio cellulare, un Samsung tipo S9+ di colore lilla”, valore “di novecento euro”. A rubarlo alla sua legittima proprietaria, Veronica Atzori, stando alla denuncia fatta proprio dalla donna ai carabinieri, sarebbe stato “un extracomunitario”. L’uomo “è entrato nel bar Caffè Serena in via Bronte a Elmas, mi è parso anche un po’ ubriaco. Si è seduto al tavolo ed ha ordinato la colazione”. Poi, “è venuto in cassa ed ha pagato”. Un cliente come tanti altri, agli occhi della barista trentunenne. “Avevo poggiato il mio cellulare sul registratore di cassa perchè avevo appena finito di fare un ordine di latte. Una volta ritirati i soldi dal ragazzo extracomunitario, mi sono girata di spalle per preparare un cappuccino ad un altro cliente”. Pochi secondi che sarebbero stati decisivi per compiere il furto: “Quando mi sono girata verso il bancone”, prosegue la Atzori, “il ragazzo era già uscito e si era allontanato, ed io mi sono accorta che il mio telefono cellulare non c’era più”.
La lavoratrice spiega anche che “nel riguardare i filmati delle telecamere di sorveglianza, si vede proprio la mano del ragazzo che afferra il mio cellulare”.

In questo articolo: