Elly Schlein in Sardegna per tirare la volata a Todde: “Noi unici a poter vincere contro centrodestra”

La segretaria nazionale del Pd per la seconda volta in tre mesi nell’isola, questa parte nella parte centro-settentrionale, ieri ad Alghero e oggi a Olbia. Si dice dispiaciuta per la spaccatura con Soru e attacca su tutti i fronti il centrodestra: “Sanno anche loro di aver fallito tanto da aver cambiato il candidato, ma sono esattamente gli stessi che hanno sitrutto la Sardegna”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Elly Schlein in Sardegna per la seconda volta in due mesi per tirare la volata alla corsa di Alessandra Todde, la 5 stelle candidata presidente del Campo largo a trazione 5 stelle-Pd. Questa volta la segretaria dem si è fermata per due giorni nella zona centro-settentrionale dell’isola, ieri ad Alghero, oggi a Ghilarza e Olbia. Critiche su tutta la linea alla giunta uscente di centrodestra, e un rapido riferimento a Soru che, dice, con la sua candidatura aiuta la destra.

“Abbiamo lavorato per evitare ogni spaccatura in Sardegna ma purtroppo c’è stata. Questo dispiace ma credo che la situazione attuale dimostri che avevamo ragione, perché c’è solo una coalizione di centrosinistra in questo momento che sta realmente competendo con la destra e può vincere, come dicono tutti i sondaggi”.

Soru, dopo aver chiesto invano le primarie per scegliere il candidato, ha deciso di scendere in campo come candidato presidente della Coalizione sarda. “Noi pensiamo che la nostra coalizione – afferma Schlein – sia in campo per vincere, perché questa non è un’elezione proporzionale in cui portare un altro punto di vista, qui è in gioco il futuro dei sardi e la capacità di fermare un governo regionale che in questi cinque anni ha fatto male a questa terra. L’avversario per noi è la destra ma se devo citare un avversario in più è l’astensionismo. Dirò ai nostri candidati di spendere ogni energia per convincere le persone che il voto fa ancora la differenza”, conclude la segretaria dem.

Poi il giudizio sulla giunta Solinas. “Le nostre candidate e candidati ci stanno mettendo l’anima per consegnare a questa terra un futuro migliore, dopo cinque anni di un disastroso governo di Solinas. Talmente disastroso che anche a destra se ne sono accorti e hanno cambiato all’ultimo il candidato, ma questo non cancella i loro errori e i sardi non si faranno prendere in giro”, dice Schlein.

“Oggi sono candidati gli stessi che hanno peggiorato la situazione della continuità territoriale, che non hanno fatto alcuna programmazione sull’energia, lasciando scoperti i territori, le comunità, le imprese agricole alle grandi multinazionali che vogliono calare soluzioni dall’alto. Questa è una destra che non è stata in grado di creare opportunità di lavoro. Insistono sull’immigrazione, ma non parlano mai dell’emigrazione, dei tanti giovani sardi che si formano su questo territorio ma con contratti precari, i salari così bassi, e decidono di andare altrove”, conclude Schlein.