“Elezioni col trucco a Cagliari, voti spariti: sospettiamo brogli”

Gianfranco Scalas, leader di Fortza Paris: “Ci sono centinaia di segnalazioni di voti e preferenze personali scomparse nei seggi cagliaritani: ecco perchè poi la gente non va a votare, bisogna cambiare tutto con il voto elettronico”

Giallo dei voti spariti a Cagliari, la polemica continua. Prende posizione in una nota anche Gianfranco Scalas, leader di Fortza Paris: “Per l’ennesima volta  le elezioni amministrative  hanno confermato, come in altre, in questi ultimi anni che il voto del cittadino non è tutelato. Centinaia di segnalazioni di voti e preferenze personali scomparse sono un vulnus alla democrazia ma soprattutto una ennesima spinta verso l’astensione dal voto. La certezza del voto è più tutelato in Iraq ed Afghanistan .I ricorsi per un conteggio delle schede costano migliaia di euro,   ma il diritto a uno spoglio e controllo  serio e preciso è un dovere dello stato con i suoi organi. Ormai sono anni che denunciamo questo stato di scarsa democrazia,  è ora che la Sardegna adotti un sistema di voto elettronico  che toglie di torno presidenti,scrutatori ,rappresentanti di lista che fino ad ora non hanno garantito elezioni libere da sospetti e brogli vari. La Regione può farsi carico di pretendere elezioni libere. A foras machinese e imbrogliusu”.


In questo articolo: