Effetto scuola e open night, boom di vaccinati tra i giovanissimi sardi: è record

Le dosi somministrate a chi ha tra dodici e diciannove anni sono pari al 71%, i ragazzini protetti con almeno una dose fanno schizzare l’Isola in testa alla classifica nazionale: ritorno tra i banchi più sicuro.

Superano abbondantemente il tetto delle centomila unità le inoculazioni ai giovanissimi sardi. Nella fascia d’età che va dai dodici ai diciannove anni il 71 per cento degli abitanti dell’Isola ha ricevuto almeno la prima dose del vaccino contro il Covid. Effetto ritorno a scuola, sicuramente, e poi c’è stata la spinta dei vari open night senza prenotazione che ha portato molte famiglie a immunizzare i propri figli contro il virus. I dati diramati dalla fondazione Gimbe non lasciano molto spazio a interpretazioni: sono in attesa della prima dose appena il 29,1 per cento dei ragazzi, nessuna regione italiana riesce a fare meglio. Basti pensare che la media nazionale è del 36,8 per cento, quindi l’Isola riesce a far meglio per addirittura sette punti percentuali.
E sono proprio i giovani che stanno contribuendo a far salire la percentuale di immunizzati in tutta la regione, in quella corsa all’immunità di gregge che, stando alle previsioni dell’Ats, dovrebbe arrivare entro settembre. Intanto, il rientro a scuola per gli studenti di medie e superiori sarà decisamente all’insegna di una maggiore sicurezza.


In questo articolo: