Ecco come cambia la raccolta della spazzatura a Cagliari: tempi più rapidi per il ritiro dei rifiuti abbandonati

A settembre il nuovo appalto: confermato il porta a porta, ma con alcune novità. Possibile in centro storico il ritiro notturno o la corriera ecologica anche per le abitazioni. In periferia rifiuti sotto terra. Sì a un sistema capillare di segnalazione dei rifiuti abbandonati per la drastica riduzione del tempo previsto per la loro rimozione.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Più pulizia di strade e marciapiedi, controlli contro i cafone e dimezzamenti dei tempi di ritiro della spazzatura abbandonata. Sono le novità del prossimo appalto sulla raccolta differenziata dei rifiuti che dovrebbe partire (salvo proroghe) a settembre.
L’appalto è partito il primo giorno di ottobre del 2017. Ha mandato in pensione i vecchi cassonetti, modificato le abitudini dei cagliaritani col nuovo sistema di raccolta differenziata dei rifiuti “porta a porta”.
Il contratto d’appalto terminerà il 30 settembre prossimo e il Comune ha già avviato la fase propedeutica alla redazione del nuovo progetto del servizio, anche per risolvere le principali criticità emerse nel periodo precedente. Nel 2023 ha portato a oltre il 76% la percentuale di raccolta differenziata, in linea con i valori soglia stabiliti dalla normativa regionale e nazionale, ma non tutti i cagliaritani sono soddisfatti del servizio.
Secondo un’indagine effettuata dall’amministrazione è emerso che mentre una percentuale di circa l’80% degli intervistati ha valutato positivamente il sistema di raccolta differenziata porta a porta (pur richiedendo una maggiore flessibilità nelle modalità di conferimento, come per esempio con la creazione di nuovi ecocentri e isole ecologiche ad accesso automatico), ma una percentuale decisamente inferiore (circa la metà degli intervistati) si è detta soddisfatta alla pulizia delle strade e marciapiedi.
E ora l’amministrazione pensa a perfezionare il servizio, migliorando il potenziamento di spazzamento e lavaggio, mettendo a disposizione infrastrutture complementari alla raccolta porta a porta e strumenti di contrasto all’abbandono dei rifiuti.
Il nuovo appalto. Il nuovo appalto prevede la conferma del sistema domiciliare o porta a porta. Ma, laddove l’assetto urbanistico ed edilizio o altre particolari condizioni, come l’alta frequentazione turistica o l’elevate concentrazioni di cittadini in ambiti urbani ristretti, non consentano o rendano inopportuno l’impiego del sistema porta a porta (come i quartieri del centro storico), sarà possibile il ricorso a sistemi alternativi, come la raccolta in orario notturno o le isole ecologiche elettroniche o ancora la cosiddetta “corriera ecologica”.
Verrà incrementata la dotazione degli ecocentri e sviluppata l’attuale dotazione di isole ecologiche informatizzate ad accesso controllato, per rendere disponibili soluzioni di conferimento alternative alle utenze che occasionalmente non si trovino nelle condizioni di rispettare i giorni e gli orari prestabiliti per la raccolta domiciliare e non possano recarsi negli ecocentri, essendo questi ubicati esternamente al centro urbano. Sì anche alla raccolta pneumatica (rifiuti sotto terra) che presto partirà a Sant’Elia in forma sperimentale.
Saranno rafforzati gli strumenti di contrasto all’abbandono dei rifiuti e i sistemi di raccolta degli stessi rifiuti e saranno valutate sotto il profilo tecnico e previsti, qualora compatibile con una ragionevole gestione dei costi, diverse novità.
Tra queste l’introduzione del lavaggio periodico dei marciapiedi, l’incremento medio dei giorni di spazzamento dei marciapiedi e delle piazze, l’ampliamento dei compiti degli operatori adibiti allo spazzamento dei marciapiedi e delle piazze, l’ideazione e attuazione di un sistema capillare di segnalazione dei rifiuti abbandonati e la drastica riduzione del tempo previsto per la loro rimozione, l’introduzione di un circuito specifico di pulizia dei cestini stradali e l’incremento dei giorni di svuotamento degli stessi e l’inserimento nell’appalto della pulizia delle piccole aiuole stradali quando queste abbiano caratteristiche tali da renderle non distinguibili dalle zone ordinariamente oggetto di pulizia e spazzamento manuale.
Previsto infine l’ampliamento dei presidi di videosorveglianza contro l’abbandono dei rifiuti e la razionalizzazione del sistema sanzionatorio nei confronti del gestore del servizio e l’introduzione di sanzioni più efficaci.


In questo articolo: