Draghi striglia le Regioni sui vaccini: “Ritardi inaccettabili”

Il premier in Senato: “Si attengano alle indicazioni del ministero della Salute”. Poi assicura: “Acceleriamo sulle somministrazioni con l’obiettivo di mezzo milione di dosi al giorno e pensiamo alle riaperture”. Zingaretti: “Nel Lazio somministrazioni anche di notte”

AGI – “Mentre la campagna vaccinale procede, è bene pensare di pianificare le riaperture. Se la situazione epidemiologica lo permette cominceremo a riaprire la scuola in primis e almeno le scuole primarie e dell’infanzia anche nelle zone rosse allo scadere delle attuali restrizioni, speriamo subito dopo Pasqua”. Lo annuncia in Senato il presidente del Consiglio, Mario Draghi, le cui parole sono state salutate da un applauso dell’aula.

“Vaccinare prima i nostri cittadini anziani e fragili” è una priorità, e “mentre alcune Regioni seguono le disposizioni del ministero della Salute, altre trascurano i loro anziani in favore di gruppi che vantano priorità probabilmente in base a qualche loro forza contrattuale” ha detto ancora Draghi. “Dobbiamo essere uniti nell’uscita dalla pandemia come lo siamo stati soffrendo, insieme, nei mesi precedenti”, ha aggiunto. Continua a leggere su Agi.ithttps://www.agi.it/politica/news/2021-03-24/draghi-momento-pensare-riaperture-partire-dalla-scuola-11904716/


In questo articolo: