Dolianova, i corpi di Massimiliano e Davide Mirabello nascosti tra i cespugli: “Vanno trovati tutti i colpevoli”

I cadaveri dei due fratelli calabresi erano in avanzato stato di decomposizione, l’avvocato Piscitelli: “Vogliamo tutta la verità, tutti i responsabili del delitto dovranno pagare il loro conto con la giustizia”

Sono stati ritrovati dai carabinieri i corpi di Davide e Massimiliano Mirabello i due fratelli calabresi scomparsi da Dolianova lo scorso 9 febbraio. I cadaveri sono stati rinvenuti in una zona di campagna un po’ distante dal centro abitato e coperti solo da alcune frasche, vicino a dei cespugli. Lunedì, al Policlinico Universitario di Monserrato, il medico legale Roberto Demontis dovrà effettuare l’autopsia. Ci sono già due persone arrestate con l’accusa di duplice omicidio, si tratta di Joselito e Michael Marras, padre e figlio residenti a Dolianova e che in passato hanno avuto screzi anche pesanti proprio con i Mirabello.
A poche ore dal ritrovamento dei corpi parla all’avvocato difensore di una delle sorelle di Mirabello Gianfranco Piscitelli : “Ci sono ancora troppe bugie in questa vicenda, abbiamo saputo che Joselito si è accollato l’intera responsabilità del duplice omicidio ma è decisamente improbabile che da solo sia riuscito a sovrastare Davide e Massimiliano. Vogliamo la verità, chi li ha uccisi deve pagare così come gli eventuali complici. Abbiamo piena fiducia nell’operato del pm Gaetano Porcu”.


In questo articolo: