Divorzio, l’ex va mantenuta sempre: si chiama solidarietà coniugale

Per il Tribunale, se la ex moglie è gravata da oneri economici pesanti, l’assegno divorzile le spetta comunque

Per il Tribunale di Roma, se la ex moglie è gravata da oneri economici pesanti, l’assegno divorzile le spetta comunque, anche se la Corte di cassazione, con la sentenza numero 11504/2017, ha detto addio al criterio del tenore di vita come parametro per valutare il diritto al contributo.

Con la sentenza numero 11723/2017, infatti, la prima sezione civile ha confermato l’assegno divorzile a vantaggio di una moglie che deve pagare il mutuo della casa in cui vive, anche se l’ex marito ha una nuova famiglia e guadagna circa 1.600 euro al mese.

Per il Tribunale capitolino, il mantenimento va solo ridotto di importo ma spettaperché la ex guadagna solo 850 euro al mese e la rata mensile di mutuo gliene porta via 500 e continuerà a farlo sino al 2030. Non importa che la donna abbia una propria professionalità ed, essendo nata nel 1970, sia in piena età lavorativa: i suoi redditi e la circostanza che la stessa sia stata costretta più volte a ricorrere all’aiuto economico dei genitori giustificano il ricorso alla solidarietà post-coniugale.

Fonte: www.studiocataldi.it


In questo articolo: