Diana (Pd): “Servizio civile, inaccettabile beffa per i giovani sardi”

Il capogruppo del Pd attacca la Regione

“E’ vergognosa e inaccettabile l’ennesima beffa che la Regione ha riservato ai destinatari dei progetti del servizio civico volontario 2012, che vedono coinvolgere adulti e giovani disoccupati, tra cui coloro che appartengono alle fasce socialmente piu’ deboli. Lo dichiara Giampaolo Diana – Presidente del Gruppo PD in Consiglio Regionale.

 

“Dalla scadenza dell’avviso pubblico per la selezione dei progetti di utilità sociale del 3 dicembre 2012 – spiega Diana -, ad oggi, la Regione non ha ancora stipulato le convenzioni con gli organismi titolari dei progetti e per di piu’, l’11 novembre 2013 comunica ad essi che non potrà garantire nell’anno in corso l’erogazione dell’anticipo successivo all’avvio di ciascun progetto che potrà avvenire soltanto nel nuovo esercizio finanziario 2014”.

 

“La problematica sui ritardi burocratici nell’attivazione dei progetti approvati del servizio civico 2012 – continua il Capogruppo – era già da me stata richiamata il 3 ottobre 2013 con una interpellanza presentata al Presidente della Regione e l’Assessore al Lavoro, che però non si sono nemmeno degnati di rispondere”.

 

“Oltre la beffa, quindi, anche il danno – conclude Diana. E’ un danno pesantissimo quello si sta consumando in queste ore sia per le piccole cooperative e imprese no-profit che hanno programmato il loro lavoro tenendo conto che da settembre ci sarebbero state all’interno del proprio organico nuove figure professionali, sia per le centinaia di giovani che in attesa di cominciare questo percorso, hanno rinunciato ad altre occasioni. Il tutto, nell’irresponsabilità e l’inefficienza piu’ totale della macchina burocratica gestita dal Presidente della Regione.”

 


In questo articolo: