Delunas: “Con Forza Italia compromesso storico come la Dc con l’Msi”

Ecco come il sindaco di Quartu spiega l’accordo con il centrodestra che ha portato a salvare la sua poltrona. E oggi si votano le dichiarazioni programmatiche

Un compromnesso storico per Quartu, come ai tempi della Dc e dell’Msi, Così il sindaco Stefano Delunas fdefinisce l’accordo di questa notte con Forza Italia e il centrodestra, che ha messo all’angolo il Pd. “Il Pd, partito del quale il Sindaco Delunas è stato fondatore a Quartu nonché dirigente regionale e nazionale- spiega in una nota il portavoce del sindaco- ha scelto di uscire dalla maggioranza per garantire soltanto un appoggio esterno e poi successivamente ha firmato la mozione di sfiducia, confermando la scelta in aula con il voto palese. 6 Consiglieri (Lucio Torru, Antonio Lobina e Martino Sarritzu di Forza Italia, Mauro Contini e Roberto Attilini di Podeus, Davide Galantuomo del Pdr) facenti parte dell’opposizione e con la razionalità e l’esperienza di chi pratica la politica da tempo, hanno pertanto valutato la necessità di scongiurare l’arrivo di un commissario regionale che, non essendo investito di responsabilità politica a governare, avrebbe potuto avviare una gestione finanziaria finalizzata all’aumento di tasse, tributi e tariffe.  

Questo lungo percorso a ostacoli costruito sulla pelle dei cittadini ha quindi sollecitato la nascita di un nuovo progetto, di una nuova maggioranza, battezzata ‘La coalizione civica dei responsabili’, con l’obiettivo di amministrare la città come le compete, con spirito propositivo e di servizio, nel modo più serio e onesto possibile. D’altronde le criticità economiche e sociali non hanno colore politico: rendono la vita difficile a chiunque, sia che voti a destra sia che voti a sinistra.

 Questo senso di responsabilità ha dato vita al terzo compromesso storico del secondo Dopoguerra quartese. Un percorso alternativo che il Comune già conobbe con il Sindaco Gianni Corrias, sotto la cui amministrazione nacque una giunta DC-PCI, e con l’altro Primo cittadino Raffaele Isola, sostenuto dall’asse DC-MSI. Il proposito della nuova maggioranza guidata da Delunas è quello di amministrare Quartu per i prossimi 5 anni, nel rispetto dei ruoli e delle appartenenze politiche. Il Sindaco stesso infatti non ha intenzione di lasciare il ‘suo’ partito, a patto che all’interno del Pd ci siano un chiarimento e un ravvedimento operoso, rivisitando la linea politica tenuta in questi ultimi mesi. È ferma convinzione del Primo cittadino che alcune decisioni, apparentemente drastiche, in realtà salvino la sua vera base, composta da uomini e donne che credono e lottano per una politica fatta in nome e per conto del bene comune.  

La prima incombenza della ‘coalizione civica dei responsabili’ sarà l’approvazione delle linee programmatiche di mandato per il quinquennio 2015-2020, la cui votazione è prevista domani 9 settembre, durante la seconda parte del Consiglio sospeso oggi. Successivamente si lavorerà al bilancio, che in considerazione degli stretti tempi a disposizione per la sua ratifica non prevede la riduzione di tasse e tributi. Questo bilancio garantirà solo le spese obbligatorie, mentre per quello del 2016 l’Amministrazione si pone come primo obiettivo l’abbattimento della Tasi. Pertanto nei prossimi mesi si adopererà per l’individuazione degli strumenti finanziari e giuridici necessari. Per approvvigionare le casse comunali senza svuotare il portafoglio dei cittadini si punterà anche sulla valorizzazione del grande patrimonio immobiliare cittadino, le cui potenzialità non sono state ancora evidenziate e quindi sfruttate”.

 


In questo articolo: