Decimoputzu, donna prende a picconate il palazzo del Comune e poi si barrica in casa

Interminabili minuti di paura a Decimoputzu. Una donna ha prima preso a colpi di piccone il palazzo del Comune e poi si è rinchiusa dentro casa. Sul posto sono intervenuti carabinieri e Vigili del fuoco: la donna è stata bloccata

Ha preso un piccone tra le mani e ha iniziato a danneggiare il palazzo del Comune di Decimoputzu. Poi, dopo aver rotto la porta di ingresso e due vetrate, si è rinchiusa dentro casa. Una donna, non nuova a episodi simili, è stata bloccata dai carabinieri della compagnia di Iglesias, intervenuti insieme ai vigili del fuoco e al 118. Non è stato facile convincere la donna a calmarsi, i militari sono riusciti ad entrare in casa solo grazie al fondamentale aiuto dei pompieri. Una volta dentro l’abitazione, dopo averla tranquillizzata, è entrata in azione la polizia Municipale che ha notificato un trattamento sanitario obbligatorio alla donna, trasportata all’ospedale cagliaritano Santissima Trinità.

 

Le indagini sul gesto vanno comunque avanti: i carabinieri vogliono capire se, all’origine di tutto, possa esserci qualche “questione” contro gli amministratori pubblici o se si sita trattato solo di una violenza scaturita da uno stato confusionale.


In questo articolo: