Decimomannu, tasse comunali: respinti gli emendamenti della minoranza

Il sindaco Anna Paola Marongiu spiega ai cittadini il motivo della decisione

Nel corso della seduta del Consiglio comunale, che si è tenuta giovedi 23 luglio, in merito alle osservazioni  avanzate dal gruppo di opposizione sulle tasse comunali e in particolare sulla Tasi, il Sindaco di Decimomannu, Anna Paola Marongiu (nel riquadro),  in una nota ha precisato: «La maggioranza ha bocciato tutti gli emendamenti presentati perché alcuni,  che peraltro non riportavano parere di regolarità tecnico contabile,  addirittura contravvenivano alle indicazioni previste dal contratto nazionale dei lavoratori.  Gli altri emendamenti puntavano al risparmio delle spese con la riduzione dei servizi essenziali come acqua, gas ed energia elettrica nelle scuole e negli impianti sportivi. Mi chiedo dunque come può la minoranza chiedere la riduzione di forniture necessarie per la sicurezza l’igiene pubblica e il benessere della collettività?  Certo, viviamo una realtà territoriale per cui il nostro comune non possiede, a tutt’oggi entrate extratributarie,  risente pesantemente dei tagli ai trasferimenti statali e regionali e, come tutti i comuni, vive una crisi economica opprimente. Tutto ciò richiede il sacrificio di tutti,  ma come possiamo pensare di ridurre subito i servizi essenziali per i nostri ragazzi,  i nostri bambini,  la comunità tutta? Soprattutto nella considerazione che siamo riusciti a non aumentare le aliquote di tutte le tasse,  anzi anticipo che la tari 2015  subirà qualche riduzione,  e che le politiche di risparmio energetico e di riciclaggio avviate porteranno ad una riduzione delle imposte comunali. Concludo dunque nel dire che eliminare la tasi deve essere una scelta responsabile volta al bene della nostra comunità ma comunque  garantendo sempre i servizi di cui essa usufruisce,  al di là delle proposte di pura propaganda politica».