Debora Castangia e Emanuela Melis a capo del movimento Giovani e Donne

Sono Debora Castangia ed Emanuela Melis la nuova delegata e coordinatrice di Coldiretti Nuoro Ogliastra Giovani e Donne. Sono state elette martedì all’unanimità dalle assemblee dei due movimenti riunite all’Exmè a Nuoro.

Sono Debora Castangia ed Emanuela Melis la nuova delegata e coordinatrice di Coldiretti Nuoro Ogliastra Giovani e Donne.

Sono state elette martedì all’unanimità dalle assemblee dei due movimenti riunite all’Exmè a Nuoro.

Debora Castangia ha 22 anni ed è di Tonara. Dopo il diploma all’istituto professionale di agraria ha deciso di intraprendere l’attività contadina producendo castagne, nocciole e ortive che vende nel mercato coperto di Campagna Amica a Nuoro. E’ un imprenditrice agricola di prima generazione essendo figlia di un meccanico. Prende il posto di Francesco Mulargiu, viticoltore di Mamoiada.

Minuta ma dal carattere forte, Debora, dopo aver ringraziato l’assemblea della fiducia e il suo predecessore per la passione e il lavoro svolto, si è detta pronta a cominciare questa nuova avventura che ci vedrà impegnati in tante battaglie: “voglio essere propositiva e lavorare in gruppo – ha detto la neo delegata -. Collaboreremo con gli altri movimenti della Coldiretti e con i senior, oltre che con Campagna Amica, la grande rete di vendita diretta e promozione del cibo buono, di stagione ed a km0”. Il suo vice sarà Antonio Curreli, 24 allevatore ed orticoltore di Fonni.

A guidare Coldiretti Donne Nuoro Ogliastra ci sarà invece un’altra giovane ragazza determinata e dalle idee chiare, Emanuela Melis, 34 anni di Mamoiada. E’ la più grande di tre sorelle, Maria Antonietta, e Roberta, insieme alle quali conduce l’azienda vitivinicola Eminas ereditata dal padre. Succede a Chiara Serra di Talana.

Anche Emanuela ha tracciato il suo mandato che sarà indirizzato verso la promozione e valorizzazione delle eccellenze del territorio in particolare tra le nuove generazioni. Sarà affiancata dalle due vice coordinatrici Giulia Curreli di Fonni e Marianna Fancello di Dorgali.


In questo articolo: