Dalla Sardegna alla Lombardia per inseguire un sogno: Sophie Tola, 17 anni, la giovane amazzone con il suo amato cavallo conquista un successo dopo l’altro

La bellissima storia da Capoterra


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Capoterra – Dalla Sardegna alla Lombardia per inseguire un sogno: Sophie Tola, 17 anni, la giovane amazzone, che, con il suo amato cavallo, conquista un successo dopo l’altro nel salto a ostacoli. “La nostra Campionessa, sempre più in alto”: la presenta così l’assessore allo sport e spettacolo Giovanni Montis, che mai perde occasione per valorizzare tutti gli atleti di qualsiasi disciplina sportiva. Una pratica per incentivare lo sport e incoraggiare i giovani, soprattutto, a lottare e non arrendersi mai per inseguire i propri sogni. E così ha fatto Sophie che da quasi un anno, grazie alla sua grande passione impegno e amore per i cavalli, è riuscita a trasferirsi in Lombardia per inseguire il suo sogno, crescere nell’equitazione, imparare e lavorare tanto per diventare un’amazzone professionista.

Inizia a fare equitazione a 11 anni, un po’ tardi rispetto ad altri che gia’ dai 4/5 anni si affacciano in quel mondo, ma la sua determinazione era tale che le ha permesso anche di saltare alcune tappe.

Ad aprire le porte in Sardegna è stato il maneggio di Raffaele Mulas a Capoterra, dove ha iniziato con una giornata di prova pony, grazie alla complicità della mamma di una sua compagna.

L’istruttrice pony Annamaria Setzu, è sempre stata tanto orgogliosa di quella bambina che, a suo dire, a cavallo c’era già salita, perchè le veniva tutto molto naturale.

È passata in poco tempo sotto la guida di Raffaele Mulas, istruttore di livello, molto conosciuto in Sardegna, non solo per la carica di istruttore, ma anche per ricoprire ruoli federali.

Il suo primo compagno di avventure è stato Pinocchio, un pony da un carattere e una forza super che le ha permesso di ottenere i suoi primi risultati da agonista, dopo nemmeno un anno ha avuto il suo primo cavallo di proprietà Percyval, forte e determinato dal carattere deciso, proprio come Sophie, le ha permesso di ottenere grandi risultati portandola a fare delle esperienze che sempre più la indirizzavano a scegliere la strada del sacrificio per arrivare sempre più in alto. “Con i cavalli è cosi, se scegli di fare cose più importanti e di crescere hai bisogno non solo di crescere dal punto di vista della tecnica, ma anche di cavalli che ti permettano di arrivare a mete più importanti: ho salutato Percyval l’ultima volta nel settembre 2022, ora è felice in Emilia Romagna, ha 16 anni e fa gli esercizi che gli permettono di divertirsi senza fare troppi sforzi, come è giusto che sia” ha raccontato la ragazza.

La svolta nella carriera agonistica di Sophie, è avvenuta nel febbraio 2022, quando è partita per il nord Italia accompagnata dal padre e da un amico, per cercare un

nuovo cavallo che le permettesse di crescere: la ricerca riguardava un cavallo di 10/11 anni, ne provò una decina, ma niente, sino all’incontro fortuito che le fece cambiare idea. Giunse, infatti, nella scuderia di Roberto Arioldi, campione italiano di equitazione, che alla brillante età di 68 anni continua con grande competitività, continua a vincere gare importanti, oltre a detenere titoli che nessun altro in Italia ha ottenuto.

Ecco è lì che, con un amore a prima vista, sceglie di prendere un bellissima puledra di 5 anni Daiquiri, figlia di una super cavalla di Arioldi. Prima di andar via, Roberto invita Sophie a tornare in estate per continuare il lavoro con la puledra e fare i concorsi in un’altra realtà, fuori dalla Sardegna, e cosi avviene. Nel giugno 2022 Sophie parte con Daiquiri e Percyval, piena di entusiasmo per nuove avventure di crescita, trascorrono 3 mesi dove ottiene buoni risultati e concretizza questa sua passione.

A Settembre rientra con Daiquiri e Cordelli, il cavallo che al posto di Percyval entra nella sua famiglia, dimostrando un gran carattere con la sua possente figura.

Il rientro non è stato facile, Sophie continuava a tenere il conto di quanto avrebbe dovuto aspettare per tornare nuovamente in Lombardia. Con la partenza nel giugno 2023, aveva una consapevolezza, non tornare: in quel posto, Zerbolò, a venti minuti da Pavia, avrebbe avuto possibilità di crescere. E cosi è stato, Sophie, con il grande affetto che la sua ex scuderia le ha lasciato, (Raffaele, Antonella, Gloria, Annamaria) tifando sempre per lei, da quasi un anno è seguita dall’istruttore, campione del salto a ostacoli Roberto Arioldi, vive nella Cascina meravigliosa, immersa nella natura, dove c’è la scuderia e i suoi cavalli, la mattina si alza all’alba per fare quello che più ama, studia, frequenta con vera diligenza il 4° anno del liceo linguistico, è appassionata di russo e studia anche altre tre lingue: sa che la strada è lunga e faticosa, ma lei non perde la speranza di diventare una professionista, dice che nella vita bisogna rischiare, perchè “se non lo fai non imparerai mai, ma se lo fai, hai buone possibilità di avere successo”.


In questo articolo: