Dai fornelli ai banchi del Consiglio comunale di Cagliari: “Doppi vetri pagati dal Comune per favorire la movida e valorizziamo Tuvixeddu”

Marcello Corrias, storico ristoratore di viale Sant’Avendrace, ha incassato 521 voti in Sardegna2020, sbaragliando tutti. Sarà all’opposizione di Massimo Zedda: “Troppe zone squallide in città, incluso il viale con i lavori fermi da due anni e mezzo. Vanno salvati i parcheggi e spostata la pista ciclabile. Ho fatto campagna elettorale sempre a piedi, consumando tre paia di scarpe”


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

I fornelli sono sempre caldi, presto lo sarà anche la sua postazione, tra le fila dell’opposizione, in Consiglio comunale a Cagliari. Marcello Corrias, titolare del ristorante La Vecchia Cagliari con 521 voti, è l’unico eletto della lista Sardegna 2020. Amico di Gianni Chessa, che ha voluto fortemente la sua candidatura, ha superato nomi di politici più noti di lui come Alessandro Balletto e Aurelio Lai. Loro non rientrano a palazzo Bacaredda, per Corrias sarà la prima volta almeno in via Roma: “In passato sono stato consigliere, ai tempi della Provincia, in minoranza, nelle fila dell’allora Popolo delle libertà, poi tornato a essere Forza Italia”. E chissà se ha ringraziato, con un pensiero, Silvio Berlusconi, del quale oggi ricorre il primo anniversario della sua morte: “Ho fatto una campagna elettorale silenziosa che mi è costata tra paia di scarpe perchè ogni giorno, sempre a piedi, ho girato dal mio rione, San Michele, sino a Sant’Elia e anche negli altri quartieri cittadini, incontrando persone, ascoltandole e chiedendo a tutte il voto. Accanto a me, speso, ci sono stati mio fratello e mio nipotino”. Zero campagne social, tutto all’antica, per Corrias: “Mi sono candidato perchè amo Cagliari, sono nato a Sna Michele e vedere la mia città ridotta in questo stato, squallido, mi fa male. Ecco perchè deciso di tornare a fare politica. Viale Sant’Avendrace è il regno delle incompiute, i lavori sono fermi da due anni e vanno cambiati. Molto meglio salvare tutti i parcheggi e spostare la pista ciclabile in via Po”. Chissà se dalla maggioranza approveranno: “Beh, anche loro hanno segnalato gli stessi problemi dei quali parlo io, quindi confido in una piena collaborazione. I negozianti si lamentano per i pochi stalli per le macchine disponibili e la poca illuminazione”.
“Tuvixeddu va riqualificata, è impossibile che un bene simile sia allo sbando, pieno di spazzatura. Sarebbe un rilancio per tutta l’economia di Cagliari”, prevede Capitolo movida e malamovida: “Possiamo impegnarci e fare pagare al Comune i doppi vetri a tutti i cittadini che ne faranno richiesta. Loro così potranno dormire serenamente e la città non sarà spenta. La proposta vale per tutti i rioni dove c’è movida. Anche, seppure in tono minore, a Sant’Avendrace. È stata una bella avventura, ho avuto modo di parlare con tante persone, andando da loro sempre a piedi. Il ristorante continuerà ad essere produttivo anche grazie a mia moglie e un altro giovane aiutante”.