Da 30 a 46 contagiati in sette giorni, la “zona rossa” non ferma il Covid a Monastir

Più contagiosa e, sembra, anche resistente. Continua ad essere negativo il saldo tra guariti e contagiati in città. Sì va avanti con l’ordinanza che prevede coprifuoco e mascherine all’aperto

Trenta sette giorni fa, 46 oggi. E, nel mezzo, anche qualche guarito. Tuttavia, a Monastir resta negativo il saldo tra guariti e contagiati da Coronavirus. La variante Delta si conferma quindi più contagiosa, certo,ma anche più tosta. Non c’è ancora stato, da quando la sindaca Luisa Murru ha firmato un’ordinanza con tutta una serie di restrizioni, quel calo tanto sperato di contagi. E allora, ai va avanti con la mini “zona rossa” in città sino a nuovo ordine: coprifuoco dalle ventiquattro alle cinque del mattino successivo, mascherine obbligatorie all’aperto, stop a qualunque tipologia di evento pubblico, bar sbarrati alle ventuno e ristoranti entro le 23:45.


In questo articolo: