Crollo all’Università, indagate 4 persone dalla Procura di Cagliari

L’inchiesta per crollo colposo e danneggiamento colposo è affidata al pm Giangiacomo Pilia: indagati i vertici dell’Ateneo, c’è anche il rettore Mola. L’iscrizione nel registro degli indagati è un atto dovuto per consentire la nomina dei periti di parte

Sono quattro le persone indagate nell’ambito dell’inchiesta con l’ipotesi di reato di crollo colposo e danneggiamento colposo dopo il crollo della palazzina fra via Trentino e via Is Mirrionis che da una ventina di giorni, dopo la ristrutturazione, ospita la facoltà di Lingue. L’inchiesta è stata aperta con le ipotesi di reato di crollo colposo e danneggiamento colposo, l’iscrizione nel registro degli indagati è un atto dovuto per permettere la nomina dei consulenti di parte. Si tratta del rettore Francesco Mola, del direttore generale dell’Ateneo Aldo Urru, della dirigente del settore investimenti, manutenzione immobili e impianti Antonella Sanna e di Agostino Zirulia del settore investimenti e manutenzioni edilizia e impianti.

L’inchiesta è affidata al sostituto procuratore Giangiacomo Pilia. Questa mattina gli agenti della squadra mobile avevano sequestrato i documenti relativi ai lavori svolti nell’edificio, mentre l’intero stabile, anche la parte non crollata, è sottoposta a sequestro penale.


In questo articolo: