Covid, ad Assemini la sindaca sbarra la scuola di via Pola: “Positivi in 3 sezioni, dad sino a febbraio”

La scuola dell’infanzia decimata dal virus, nell’unica sezione solo la metà degli alunni sono in presenza: “Il personale può essere sostituito solo con spostamenti da altri istituti, c’è il rischio di contagio tra scuole”. Tutti a casa per una settimana

Casi di positività nella scuola dell’infanzia di via Pola ad Assemini, la sindaca Sabrina Licheri non attende eventuali comunicazioni da parte dell’Ats e decide di sbarrare l’istituto sino al prossimo primo febbraio: “Non c’è alla base della suddetta ordinanza un provvedimento dell’Ats, ma si è ritenuto necessario prescrivere comunque la sospensione dell’attività didattica fino al primo febbraio 2022”. Motivazioni del provvedimento? “A seguito di riscontro di casi di positività la dirigente scolastica ha, come previsto dalla norma, disposto la didattica a distanza per tre delle quattro sezioni presenti. Nell’unica sezione rimasta aperta è presente la metà dei bambini e la scuola ha avuto notizia di un caso di positività tra gli assenti la cui presenza è antecedente alle 48 ore, per tanto non rientra nell’operazione di tracciamento a carico della scuola” E allora, didattica a distanza per tutti, non c’è altra soluzione.
“La sostituzione del personale assente può avvenire solo attraverso lo spostamento di personale da altri plessi: soluzione capace di elevare il rischio di contagio anche fra scuole. Non è intenzione dell’amministrazione ricorrere alla chiusura delle scuole ignorando le disposizioni nazionali, laddove però si viene a creare una situazione di emergenza e riteniamo, fatte le opportune valutazioni, di intervenire, si interviene”.


In questo articolo: