Convoglio per Cagliari in ritardo, aggredisce il capotreno: denunciato

Incredibile episodio oggi sul treno Villamassargia-Cagliari, un disoccupato cagliaritano esasperato dal ritardo del treno aggredisce il capotreno. Denunciato dalla Polizia Ferroviaria

Nella mattinata odierna, nell’ambito dei servizi  di scorta predisposti per la prevenzione ed il contrasto di reati in pregiudizio del personale delle Ferrovie dello Stato e degli utenti del servizio ferroviario, una pattuglia di agenti in borghese della Polizia Ferroviaria di Cagliari, di scorta sul treno regionale Iglesias-Cagliari, è intervenuta per bloccare e fermare un passeggero responsabile di un movimentato e violento episodio che ha creato disagio tra gli altri passeggeri e minacciava l’interruzione del regolare servizio ferroviario.

Il passeggero, U. Z.   di Cagliari, disoccupato con vari precedenti penali, salito a bordo dalla stazione di Villamassargia, iniziava ad inveire e oltraggiare con urla e clamori contro il capotreno, accusandolo di non fornire spiegazioni adeguate per la soppressione del precedente convoglio diretto verso il capoluogo.

Non ritenendosi soddisfatto dalle giustificazioni del capotreno, l’uomo aumentava il tono delle invettive tentando di aizzare gli altri passeggeri ad unirsi alle sue lamentele i quali, al contrario, sebbene turbati e preoccupati dal suo comportamento sempre più violento, anche per la presenza di minori, lo invitano a desistere.

Vistosi isolato, U. Z. tentava allora di introdursi con la forza nella cabina di guida del macchinista-conducente, costringendolo a rinchiudersi dall’interno per impedire che una sua eventuale irruzione creasse pericolo per la prosecuzione alla corsa del treno regionale.

Gli agenti in borghese bloccavano il soggetto, isolandolo dal resto dei passeggeri, e scortandolo sino all’arrivo alla stazione di Cagliari dove veniva accompagnato presso gli uffici  della Polizia Ferroviaria per le formalità di rito.  

Pertanto U. Z. veniva denunciato per oltraggio nei confronti  del capotreno, che riveste la qualifica di pubblico ufficiale, nonché nei confronti degli stessi agenti intervenuti al cui indirizzo lo stesso aveva esteso le invettive durante la sua esagitata manifestazione di insofferenza.

Il Compartimento di Polizia Ferroviaria di Cagliari, alla luce degli episodi di violenza in pregiudizio del personale viaggiante di Trenitalia, ha intensificato i servizi di vigilanza e di scorta dei treni, con particolare riguardo nelle tratte considerate a rischio, procedendo all’identificazione di numerose persone ed effettuando mirate ispezioni dei bagagli nei soggetti sottoposti a controlli.


In questo articolo: