Controlli anti violazione del dpcm: sanzioni a Monastir, Iglesias e Villacidro

Il fatto di voler fumare una sigaretta per strada non è previsto come scusante. La sanzione è stata analoga per tutti: 400 euro.

Stanotte, a mezzanotte e mezza circa a Monastir, i carabinieri hanno segnalato alla Prefettura di Cagliari per violazione dell’ultimo D.P.C.M. per il contenimento della pandemia in corso, un 19enne incensurato del luogo.

Il giovane è stato sorpreso a camminare a piedi in piazza Aldo Moro, senza poter fornire una valida giustificazione sul perché si trovasse fuori casa.

Sempre ieri a Villacidro, i militari del Radiomobile hanno contestato una sanzione amministrativa pecuniaria da 400 euro, con contestuale segnalazione alla Prefettura, ad un 33enne pizzaiolo (e titolare di pizzeria) che, durante il proprio lavoro, non ha utilizzato la mascherina, con procedura assolutamente pericolosa in caso di propria positività.

Nel corso di un analogo servizio, i carabinieri di Iglesias hanno sanzionato ben cinque persone, fra le quali un minorenne, tre per il fatto di non indossare la mascherina o indossarla abbassata, rendendo di fatto vana la funzione svolta dal dispositivo di protezione individuale, altri due per essere stati sorpresi per le strade della città in orario notturno, in violazione della chiara norma che lo vieta.

Il fatto di voler fumare una sigaretta per strada non è previsto come un’esimente alla norma. La sanzione è stata analoga per tutti: 400 euro. Nei casi di recidiva ne verrebbero contestati 800, che si aggiungerebbero ai 400 già inflitti.


In questo articolo: