Concerto di chiusura della XXII Accademia internazionale di musica di Cagliari

Con il concerto dei migliori virtuosi di questa edizione domani, mercoledì 31 agosto, cala il sipario sulla XXII Accademia internazionale di musica di Cagliari, partita il 23 agosto.

Con il concerto dei migliori virtuosi di questa edizione domani, mercoledì 31 agosto, cala il sipario sulla XXII Accademia internazionale di musica di Cagliari, partita il 23 agosto.

L’appuntamento è alle 17 nel giardino d’inverno del T Hotel e si aprirà con il violinista Joshua Tavenier che affronterà la Sonata n.1, Op.78 di J.Brahms. A seguire musiche di F. Chopin nell’esecuzione della pianista Maria Josè Palla, e di C. Reinecke per la flautista Manuela Loddo.

Il programma della serata proseguirà con il pianista Andrei Makarov che proporrà pagine di F. Schubert, e la violinista Dora Koc che affronterà il Concerto per violino, Op.15 di B. Britten.

Si prosegue con La leggierezza, S.144 di F. Liszt, che vedrà esibirsi il pianista Michele Calia e Images, “Reflets Dans L’eau” di C. Debussy che vedrà al pianoforte Filippo Piredda.

Saliranno sul palco anche la violinista Natzuki Gunji che proporrà al pubblico pagine di P. TchaikovskiMaya Wichert (violino) e Lisanne Scick (viola) che si misureranno con il Duo concertante di W. A. Mozart, e ancora un duo, quello composto dal violinista Qingzhu Weng e dal pianista Yun Yang Le che eseguiranno la Tziagane di  M. Ravel.

Chiusura di serata con le celebri arie d’opera di W. A. Mozart: protagoniste saranno Francesca Pacileo (soprano) e Laura Capretti (mezzosoprano) accompagnate al pianoforte da Sandro Zanchi.

L’Accademia di musica di Cagliari è organizzata dall’associazione Sardegna in musica (direttore artistico è Cristian Marcia, presidente Gian Luca Marcia) ed è realizzata con il contributo della Regione Autonoma della Sardegna (Assessorato della pubblica istruzione, beni culturali, informazione, spettacolo e sport e Assessorato del turismo, artigianato e commercio). Conta sulla co-produzione con il Conservatorio “Giovanni Pierluigi da Palestrina”. 


In questo articolo: