“Il Comune chiude via Azuni, barriera pedonale sulla città con la logica…ora decido io”

L’opinione di Marcello Roberto Marchi: “Chiudere al traffico Via Azuni e renderla “area pedonale” è una proposta a dir poco cervellotica”

Chiudere al traffico Via Azuni e renderla “area pedonale” è una proposta a dir poco cervellotica.Vorrebbe dire paralizzare totalmente l’antico quartiere di Stampace. E non solo : vorrebbe dire anche erigere una vera e propria barriera nei collegamenti con il resto della Città e appesantire ulteriormente la concentrazione del movimento veicolare. Senza contare i disagi e i danni di natura sociale ed economica che ne conseguirebbero. Il traffico che proviene da Via Ospedale, con le diramazioni oggi obbligatorie per le vie che confluiscono nella stessa Via Azuni e il traffico proveniente da Viale San’Ignazio,che prevalentemente è diretto verso il Largo Carlo Felice, Via Roma e oltre, dove verrebbe dirottato ? Noi non siamo ingegneri urbanisti o trasportisti, non siamo amministratori nè tecnici esperti e avveduti, ma non temiamo il confronto serio e sereno : alla nostra base abbiamo semplicemente il buon senso e l’esperienza della vita cittadina. Quella acquisita del buon padre di famiglia e dell’impegno costante nella società civile, compresa quella più umile ma anche più significativa. Sarebbe bene che chi ha il compito di decidere sulla pelle degli altri, ci pensasse almeno due volte e non si arroccasse su un unico principio : ” ora decido io”.

Marcello Roberto Marchi


In questo articolo: