Col suv sulla spiaggia di Villasimius, turista lombardo contesta la multa: “Non c’era il cartello col divieto”

Il 7 dicembre un turista ha attraversato l’arenile della spiaggia di Simius prima di parcheggiare a ridosso delle dune. Multato dalla polizia locale, oggi ha contestato la sanzione: “Non esiste nessun cartello o recinzione che impedisca il transito sugli arenili dei mezzi di locomozione”. Le Guardie ambientali: “Servono norme più severe come la confisca del mezzo”.

Ha percorso sull’arenile un tratto della spiaggia di Simius e ha parcheggiato davanti alle dune. Ora un turista lombardo ha contestato la sanzione perché “mancava il cartello col divieto”.
La storia, raccontata dalle Guardie ambientali della Sardegna, risale al 7 dicembre scorso “quando all’improvviso durante una bella giornata dall’aria un poi frizzantina sulla spiaggia di Simius a Villasimius, si palesa come se nulla fosse un bel suv percorrendo tutto l’arenile per parcheggiare a ridosso delle dune di sabbia”. La novità poche ore fa. Perché “i proprietari del mezzo hanno presentato ricorso alla sanzione comminata dalla polizia locale di Villasimius subito intervenuta sul posto il giorno dell’accaduto”. Secondo le Guardie nelle motivazioni del ricorso i trasgressori avrebbero messo in evidenza che “non esiste nessun cartello o recinzione che impedisca il transito sugli arenili dei mezzi di locomozione”

“Bastava parcheggiare il mezzo dove tutti parcheggiano e avrebbero goduto le bellezze con una sana passeggiata sulla spiaggia evitando la sanzione è magari sarebbero ritornati a casa da turisti contenti. A parer nostro”, aggiungono, “il legislatore dovrebbe prevedere sanzioni più corpose e la confisca del mezzo soprattutto ove questi illeciti si verifichino in zone ad alto pregio naturalistico proprio come in quest’ultimo caso”.


In questo articolo: