Cisl:”Quartu rischia di perdere i finanziamenti per i cantieri verdi”

L’allarme della Cisl: “Se il Comune non avvia i progetti per i lavoratori in riutilizzo rischia di perdere notevoli e importanti risorse che consentirebbero di impiegare disoccupati nei cantieri verdi.”

Mentre la Regione è pronta a finanziare ulteriori risorse per la proroga dei lavoratori in riutilizzo impiegati nei cantieri verdi, il Comune di Quartu rischia di perdere gli stanziamenti per il 2016, consentirebbero di impiegare 12 lavoratori e lavoratrici, per 20 ore giorno per  14 settimane  nei cantieri dell’amministrazione quartese. A lanciare l’allarme il segretario generale Cisl Mimmo Contu.

La Cisl territoriale, all’indomani della scadenza dei contratti di questi lavoratori ( 23 di Maggio 2016), ha iniziato a sollecitare il comune di Quartu, anche con incontri specifici, ad attivare tutte le procedure per il riavvio dei cantieri verdi, manifestando interesse con specifici atti amministrativi.

“La lentezza, la burocrazia ma soprattutto l’immobilismo dell’Assessore all’Ambiente e del Sindaco, sono a dir poco imbarazzanti”- tuona Contu. Solo qualche settimana fa, infatti, la giunta ha messo in delibera l’avvio dei cantieri, con una inattuabile condizione: i lavori devono essere conclusi, entro il 31 Dicembre 2016. Appare evidente – sottolinea -che questo aspetto è irrealizzabile, in quanto deve ancora avvenire l’assegnazione dell’appalto all’impresa, che in qualche maniera deve prima aggiudicarselo. Siamo veramente sconcertati. Considerata la situazione drammatica della disoccupazione del nostro territorio, non si possono perdere occasioni, se pur temporanee, di lavoro che il sindacato ha ottenuto, affannosamente,  nei tavoli assessoriali. A nulla sono valse le continue sollecitazioni, anche di carattere informale, che il sindacato ha esercitato nei confronti dell’amministrazione di Quartu perché avviasse le procedure per far ripartire i cantieri verdi.”

 I lavoratori sono pronti  disposti ad intraprendere delle forme di protesta.

 

 


In questo articolo: