“Cinquanta euro per i pass dei parcheggi a Cagliari, aumento inaudito del 400 per cento: l’auto è una necessità”

Venticinque euro per la sua Ford C-Max, altrettanti per la Lancia Ydel padre, pensionato. La rabbia di Stefano Pusceddu, insegnante 50enne: “Tariffe di Parkar più che raddoppiate, ora molte famiglie dovranno cercare parcheggio andando chissà dove anzichè averlo quasi sotto casa: perchè il Comune ha permesso questo aumento inaudito?”

Da cinque a 25 euro. Meglio, da dieci a 50 euro, perchè le auto sono due. Eccolo, il nuovo aumento firmato Parkar, la società che gestisce gran parte degli stalli a Cagliari. L’amara sorpresa è già realtà per tanti cagliaritani, tra loro c’è anche Stefano Pusceddu. Cinquant’anni, ingegnere e insegnante, ha ricevuto l’email dalla società con l’avviso dei nuovi prezzi. Una beffa doppia per lui, che aveva già spedito i bonifici standard da dieci euro: “Mio papà guida una Lancia Ypsilon e può continuare a parcheggiare nella sottozona del Parco della Musica, io ho una Ford C-Max e devo ancora pagare l’aumento per poter usufruire liberamente delle strisce blu quasi sotto la mia abitazione. L’aumento è inaudito e fastidioso, il Comune non ha avvertito bene la cittadinanza, forse l’avrà fatto solo attraverso i canali istituzionali, ma un aumento annuo del 400 per cento è qualcosa che non si è mai visto”, afferma Pusceddu.
“L’auto è una necessità, l’ultimo anno scolastico ho insegnato a Carbonia e mi son dovuto spostare quasi ogni giorno, tranne nei periodi della didattica a distanza. Ora, tante famiglie magari decideranno di non rinnovare più il pass auto, ciò comporterà tanti disagi, incluso quello di dover cercare un parcheggio chissà dove. Per molti 25 euro all’anno sono una speda fastidiosa, spero vivamente che il Comune ci ripensi e che faccia abbassare le tariffe”.


In questo articolo: