Cesare Battisti protesta per il cibo in carcere, furia Salvini: “Assassino comunista, taci e digiuna”

Il leader della Lega contro l’ex terrorista in isolamento nel carcere sardo di Massama: “Assassino comunista, taci e digiuna”

“Un assassino comunista si lamenta del menù in carcere? Taci e digiuna, vigliacco”. Non utilizza giri di parole il leader della Lega Matteo Salvini, nel commentare la protesta fatta da Cesare Battisti, ex terrorista in isolamento nel carcere sardo di Massama: “Cibo scarso e di bassa qualità”. Questo l’oggetto del ricorso presentato al tribunale di Sorveglianza di Cagliari dall’ex latitante. Battisti dal gennaio 2019 è detenuto nell’istituto penitenziario di Oristano dove, ancora in regime di isolamento, sta scontando i due ergastoli cui è stato condannato per quattro omicidi commessi alla fine degli anni Settanta. A poche ore dalla notizia pubblicata anche da Casteddu Online, è arrivato il commento “velenoso” di Salvini.


In questo articolo: