Cena al Cus coi candidati Leu: “Merenda politica in uno spazio pubblico”

Scoppia la polemica al centro universitario per la cena col leader nazionale di Liberi e Uguali Roberto Speranza. L’ex presidente Arrica: “Una merenda politica in uno spazio universitario. Siamo indignati”. Marco Meloni: “Solo una festa privata”

Una cena al Cus. Per il presidente Meloni una festa privata. Per l’ex presidente Arrica una cena elettorale. Tra i presenti Roberto Speranza, deputato e leader nazionale di Liberi e Uguali, nell’Isola per la campagna elettorale e  Yuri Marcialis, assessore allo Sport al Comune di Cagliari candidato, alle prossime elezioni, nel collegio uninominale di Cagliari e al primo posto nel collegio plurinominale del Senato, nelle liste di Leu e altri esponenti politici, sempre di Liberi e Uguali. Una serata nel vecchio ristorante del centro sportivo universitario, teatro di tante feste di laurea di studenti fuori sede. Non una cena sontuosa, ma un rinfresco tra birre al bacio, vino, salumi e panadas. Niente simboli o bandiere. Ma secondo alcuni soci il carattere politico dell’evento, svoltosi in uno spazio pubblico, è evidente e ha scatenato un inferno di polemiche.

“Si è trattato da una merenda politica in un locale del Cus che non è un ristorante interno affidato a terzi e che non è dato in gestione”. Attacca l’ex presidente, fino a poco più di un anno fa, del Cus Stefano Arrica. “Il Cus Cagliari, spazio universitario e gloriosa società sportiva che accoglie un gruppo politico per una merenda politica. Siamo indignati. Del resto”, aggiunge, “anche il festeggiamento per i 70 anni è del Cus è stata una kermesse con ministri e politici. Me l’ha insegnato mio padre: quando vedi politici nello sport cacciali”.

“Era una festa privata”, spiega Marco Meloni, deputato Pd e presidente del Cus, “si tratta di una sala che affittiamo (costo tra i 40/70 euro l’ora, più i 50 di sorveglianza) abitualmente per feste private ai titolari della “Cus Card”. E quella di ieri era soltanto una festa privata e non una cena pubblicizzata e aperta al pubblico”.


In questo articolo: