Caso Roberta Ragusa, il marito Antonio Logli condannato a 20 anni in Cassazione

La Corte di Cassazione ha condannato Antonio Logli per il caso della scomparsa della moglie, Roberta Ragusa, sparita nel nulla in una notte del gennaio del 2012. La Cassazione ha confermato i vent’anni che erano stati inflitti in Appello a Logli.

La Corte di Cassazione ha condannato Antonio Logli per il caso della scomparsa della moglie, Roberta Ragusa, sparita nel nulla in una notte del gennaio del 2012. La Cassazione ha confermato i vent’anni che erano stati inflitti in Appello a Logli.

I dettagli su Quotidiano.net: “Terzo grado di giudizio dunque per un caso altamente mediatico, che in questi anni ha fatto discutere. Logli era stato condannato in Appello a 20 anni per l’omicidio della moglie e la distruzione del cadavere. Secondo la Cassazione Logli ha dunque ucciso la moglie Roberta. L’uomo adesso andrà in carcere, al Don Bosco di Pisa.

Anni di inchieste, di colpi di scena, che alla fine hanno portato alla sentenza definitiva. Roberta Ragusa scomparve tra il 13 e il 14 gennaio. Durante il dibattimento il Pg, Luigi Billitteri, aveva chiesto la conferma della condanna di Logli”.


In questo articolo: