“Caso Bibbiano, in Sardegna 640 minori sottratti alle famiglie: c’è chi non vede i figli da due anni e mezzo”

Gigi Garau intervista Barbara Di Donato coordinatrice regionale del Coordinamento Nazionale contro la sottrazione di minori alle famiglie e ai genitori in separazione: “I minori devono mantenere i rapporti con i genitori biologici. Di solito gli incontri tra figli e genitori biologici possono avvenire ogni 15 giorni, ma giusto l’altro giorno, parlando con numerose famiglie che ho incontrato a Cagliari, in tanti mi hanno parlato di situazioni particolari e qualcuno addirittura mi ha riferito di non vedere i propri figli da più di due anni e mezzo. Questo lo trovo drammatico perché fa perdere pure la speranza”

BIBBIANO E’ SOLO UN CASO?

Intervista a Barbara Di Donato coordinatrice regionale del Coordinamento Nazionale contro la sottrazione di minori alle famiglie e ai genitori in separazione

di Gigi Garau

Oggi abbiamo incontrato Barbara Di Donato che è la coordinatrice per la Sardegna del Coordinamento Nazionale contro la sottrazione di minori alle famiglie e ai genitori in separazione.

Barbara, in questi mesi abbiamo sentito più volte parlare di minori sottratti alle famiglie, il vostro coordinamento perché nasce, come nasce e qual’è la sua attività?

Il coordinamento nazionale nasce a seguito dei fatti accaduti a Bibbiano in quanto ci siamo resi conto che queste problematiche ci sono in tutto il territorio nazionale, per questo abbiamo deciso di creare un’interpellanza da diffondere nelle istituzioni in modo da far luce su questi argomenti.

Hai parlato di coordinamento nazionale, chi siete? Quanti siete?

Attualmente siamo un coordinamento in cui sono rappresentate otto Regioni. La nascita di questo organismo è dovuta al fatto che molte denunce e segnalazioni sono rimaste inascoltate, da qui l’esigenza di organizzare un coordinamento nazionale.

Di questo coordinamento fanno parte esperti di questioni giuridiche, genitori, assistenti sociali, insomma qual’è il profilo dei suoi componenti?

Del coordinamento fanno parte diversi avvocati, ma anche genitori che si sono visti portar via i propri figli, inoltre sono presenti figure che trattano la criminologia, insomma persone che hanno particolari competenze in materia.

Nella vostra presentazione ufficiale si parla di una degenerazione che affonda le sue radici in tre interventi del legislatore, puoi riassumerceli brevemente?

Si, parliamo delle leggi 84/93, 56/89 e 328/2000, nate per assicurare interventi sociali, assistenziali e socio sanitari per garantire alle famiglie un aiuto concreto. Purtroppo negli ultimi anni, abbiamo assistito a famiglie che si sono rivolte ai servizi per essere aiutate e alla fine si sono viste portar via i propri figli.

Oggi trattiamo questo argomento con l’intento di non criminalizzare o colpevolizzare alcuna categoria, un servizio o un’istituzione che opera nelle nostre comunità, ma si sta cercando di capire se e dove ci sono delle anomalie e come sollecitare l’intervento di chi deve attuare i controlli e definire le norme?

Noi non vogliamo generalizzare in quanto ci sono servizi che aiutano le famiglie e svolgono un ottimo lavoro. Il nostro scopo è quello di promuovere un’interpellanza consigliare affinché si giunga ad una commissione regionale d’inchiesta che possa far luce sugli oltre 8000 comuni italiani per individuare eventuali anomalie.

Adesso veniamo alla Sardegna, sei a conoscenza dei numeri in gioco in Sardegna? Quanti sono i minori sottratti alle famiglie, quelli affidati alle comunità o quelli dati in affido ad altre famiglie, che differenza c’è tra i due casi?

Da ciò che ci risulta, i minori sottratti qui in Sardegna sono circa 640, per le più svariate motivazioni, in realtà la legge recita che i minori possono essere affidati prevalentemente a famiglie affidabili che hanno tutti i requisiti richiesti e con entrambi i genitori o anche con un solo genitore. I minori devono mantenere i rapporti con i genitori biologici. Di solito gli incontri tra figli e genitori biologici possono avvenire ogni 15 giorni, ma giusto l’altro giorno, parlando con numerose famiglie che ho incontrato a Cagliari, in tanti mi hanno parlato di situazioni particolari e qualcuno addirittura mi ha riferito di non vedere i propri figli da più di due anni e mezzo. Questo lo trovo drammatico perché fa perdere pure la speranza.

Quale obbiettivo intende raggiungere il vostro coordinamento?

L’obbiettivo è quello di inserire dei nostri referenti nelle commissioni regionali d’inchieste in modo da fornire la massima collaborazione.

Ok Barbara, tu sei una donna, una mamma,che sicuramente soffre nel vedere tutte queste situazioni di cui sente parlare dalle famiglie interessante, la domanda sorge spontanea, ma chi te lo fa fare? 

Questa è la risposta più semplice, chi me lo fa fare? Sicuramente è il cuore in quanto sono stata vice presidente di un’associazione di genitori separati che nell’arco di dieci anni di attività mi ha permesso di vedere il dolore di numerose famiglie che vivono questo disagio. Sono stanca di tutta questa sofferenza e sento il dovere morale di dover fare qualcosa per aiutare queste persone che soffrono. – Grazie Barbara e in bocca al lupo per il lavoro futuro, sperando che all’orizzonte ci siano sempre novità positive.


In questo articolo: