“Cari turisti, per una volta siate voi invidiosi della bellezza della Sardegna: basta polemiche sui camerieri…”

“Se proprio dobbiamo dirlo, cari avventori tenetevi le presunte ottimizzazioni del rapporto cliente cameriere, forse la temperatura fa percepire negativamente gentilezza, cortesia, sorrisi, professionalità ed ospitalità innata nel nostro DNA….”

Le affermazioni general generiche non sono il meglio per ragionare di un tema importante e dirimente per l’economia della nostra isola. Il ragionamento non può soffermarsi sul come viene servito un caffè o un cappuccino. Vi sono casi e casi e se proprio devo dirlo, da originario di un bel paese Seui – che vanta decine di commercianti – direi l’accoglienza è ottima e pure di più; all’interno dell’isola la gentilezza si somma all’ospitalità. Per cui,” se proprio dobbiamo dirlo, cari avventori tenetevi le presunte ottimizzazioni del rapporto cliente cameriere, forse la temperatura fa percepire negativamente gentilezza, cortesia, sorrisi, professionalità ed ospitalità innata nel nostro DNA.

Evitiamo le generalizzazioni, noi ci teniamo le nostre bellezze, che sono a qualche metro di distanza dai nostri paesi e città. Per una volta siate voi invidiosi visto che l’invidia è un difetto imputato con frequenza a noi “sardignoli”. Sarebbe opportuno non generalizzare, in caso contrario si corre il rischio che il Signor Efisio, con cortesia e gentilezza, esclami: “Non ci spaccate in quattro la zucchina”. Oggi il Poetto, dopo due giorni di maestrale…

Gianfranco Carboni


In questo articolo: