Cargo incagliato a Sant’Antioco, il Comune: “Concluse le operazioni di rimozione del carburante”

Il Comune: “Gli idrocarburi  non rappresentano più un pericolo: le sostanze, infatti, sono state interamente prelevate e messe in sicurezza. Adesso si attende la fase di rimozione del mercantile”

Si sono concluse le operazioni di rimozione del carburante e di risanamento ambientale della Cdry Blue, il cargo incagliato dalla sera del 21 dicembre nelle coste di Capo Sperone, a Sant’Antioco.  L’aggiornamento arriva dal Comune, che ne dà notizia attraverso la pagina Facebook: “Gli idrocarburi  non rappresentano più un pericolo: le sostanze, infatti, sono state interamente prelevate e messe in sicurezza. Adesso si attende la fase di rimozione del mercantile, il cui piano di lavoro dovrà rispettare le procedure del caso, passando al vaglio di tutti gli Enti coinvolti in questo processo. Ci rassicura sapere che, da un punto di vista ambientale, non sussistono più rischi di inquinamento. Ora auspichiamo che il programma di rimozione della nave dagli scogli proceda spedito e, in tempi accettabili, ci venga restituito il nostro ineguagliabile paesaggio.”

(f.m)

 

(foto comune di Sant’Antioco)


In questo articolo: