“Cappellacci ha azzerato tutti i fondi per il sostegno allo studio”

La denuncia di Nicola Ibba, Sinistra Sarda: “Niente soldi dalla Regione alle associazioni giovanili nelle università” 


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

“L’ultima finanziaria approvata dalla maggioranza di centrodestra in Consiglio Regionale ha tagliato ogni forma di sostegno allo studio”: Nicola Ibba, candidato nella lista Sinistra Sarda alle prossime elezioni regionali, critica aspramente la manovra del governatore Cappellacci, e spiega: “Sono stati azzerati per il 2015 tutti i fondi destinati alle associazioni giovanili legate all’università, il fitto casa per gli studenti universitari e il capitolo legato ai Visiting Professor”. La Regione Sardegna aiuta gli studenti al pagamento delle spese di affitto da diversi anni, ma da quanto si evince dalla finanziaria approvata il 21 gennaio scorso i fondi sono stati tagliati per il 2014 e azzerati per il 2015. “Nessuno si occupa di queste problematiche, che sono vitali per il futuro culturale ed economico della nostra terra. Azzerando il fitto casa, si elimina una possibilità in più di controllo degli affitti in nero dato che era obbligatorio il contratto per poter beneficiare di tale aiuto. Inoltre – continua Ibba – non esisterà più l’assegno di merito: da un fondo di 10 milioni di euro del 2008 si passerà ai soli 3 milioni per il 2014. E per il 2015 non sono previsti fondi per tale settore. Sono tagli scandalosi – stigmatizza il candidato di sinistra Sarda – che diminuiscono il diritto allo studio per i nostri giovani”. Ibba chiede il rifinanziamento dei fondi: “Le nostre università sono state indebolite in maniera indiscriminata. Dobbiamo fare scelte guardando al domani, un investimento realizzato oggi che darà i suoi frutti nel corso del tempo”. Sul fronte degli investimenti del Master and Back Ibba aggiunge: “Per i percorsi di rientro si è passati da 55 milioni di euro a 3 milioni. Le eccellenze, in questo modo, rimarranno fuori dall’isola, senza poter contribuire al riscatto della Sardegna”.
 
Matteo Meloni