Capoterra, Corda in pressing su Dessì: “Meno tasse per i cittadini”

Il capogruppo all’attacco contro il ventilato aumento delle tasse a Capoterra: “Ecco la ricetta per scongiurarlo, il sindaco deve ascoltarci”

Meno tasse a Capoterra. La richiesta parte da Silvano Corda, capogruppo della lista civica, allarmato dalle ultime voci di possibile aumento dell’Imu per le seconde case. “Mi rivolgo al capo della coalizione Sindaco Francesco Dessi-spiega Corda- aumentare le tasse in un momento così difficile è pura follia, aumentare l’aliquota sulla seconda casa oppure l’addizionale Irpef e fare finta che nell’economia delle famiglie capoterresi tutto va bene non mi trova d’accordo. Ho fiducia nel buon senso e nella determinazione del sindaco Dessi,sono ottimista e fiducioso che le mie parole non vengano ignorate”.

Silvano Corda ha progettato anche una “ricetta” per ricavare dal bilancio comunale le somme che servirebbero a scongiurare l’aumento delle tasse a Capoterra: “80 mila euro possono essere recuperati se le commissioni consiliari si convocano fuori dagli orari di lavoro, in modo da evitare i rimborsi- sostiene il consigliere comunale-  per quanto riguarda la manutenzione dei software chiedo immediatamente una gara d’appalto per affidare ad un esperto informatico il servizio che oggi costa 99mila euro,  ma se ne potrebbero risparmiare 50mila. Per le posizioni organizzative ho proposto di accorpare 3 settori, il Suap alla polizia municipale,l’urbanistica ai lavori pubblici, il settore finanziario al responsabile del personale, Andremmo così a risparmiare circa 35 mila euro. Poi si potrebbero introdurre i parcheggi a pagamento al lido di Maddalena Spiaggia, con un prezzo giornaliero di tre euro. Infine eliminare i 10mila euro di pubblicità a quotidiani, tv e radio”.


In questo articolo: