“Cagliari,svolta vigili urbani: la tecnologia aiuta più delle pistole”

L’assessore Mauro Coni: “Nel 2013 il Comune ha bocciato l’acquisto di 150 nuove pistole per i vigili urbani, la sicurezza non si fa con la repressione. Meglio utilizzare i soldi per la nuova flotta super elettrica e dare l’esempio ai cittadini di come si può battere l’inquinamento”

“Prima a Cagliari il Comune pensava di acquistare le pistole per i vigili urbani. Adesso, invece, il Comune acquista una flotta elettrica per la Polizia Municipale”. La differenza è notevole, secondo l’assessore al Traffico Mauro Coni. Perchè “la sicurezza non la si conquista certo con la repressione, mentre l’inquinamento si abbatte con il traffico intelligente e in questo senso i mezzi elettrici saranno nei prossimi anni la vera svolta. Meglio utilizzare quei soldi per dare l’esempio ai cittadini di come si può battere l’inquinamento”.

Il sindaco Massimo Zedda infatti a dicembre del 2013 aveva bocciato l’acquisto di 150 nuove pistole per i vigili urbani di Cagliari. I consiglieri Mannino, Lobina e Secchi avevano invece proposto l’acquisto di spray urticanti, per combattere la criminalità cittadina. 


In questo articolo: