Cagliari, uffici Asl fatiscenti: dipendenti al freddo e senza corrente

Disagi negli uffici Asl di via Logudoro, a Cagliari: da giorni trenta dipendenti lavorano in condizioni precarie, senza riscaldamento ed energia elettrica: “Una situazione invivibile”

Uffici senza riscaldamento ed energia elettrica, pc e linee telefoniche che funzionano a singhiozzo. Questa la situazione in cui lavorano i trenta dipendenti degli uffici amministrativi Asl ospitati nei due piani dello stabile di via Logudoro 17. Disagi comunicati al dirigente e al sindacato provinciale, Fials, nei giorni scorsi, e ora il rischio è che i dipendenti vengano mandati a casa per ferie forzate.

“È fuori luogo ricorrere alle ferie per colmare le croniche carenze dell’azienda”, sottolinea il presidente della Fials per la provincia di Cagliari, Paolo Cugliara, che sui disagi ha presentato un esposto indirizzato al commissario straordinario, Sabina Ortu, al direttore sanitario ed amministrativo, al responsabile della sicurezza e ai servizi Spresal, che operano presso le Asl e assicurano assistenza in materia di igiene e sicurezza del lavoro. Ma da allora nessuno è intervenuto in maniera significativa. Se  non dei tecnici, come riferiscono gli stessi dipendenti della Asl, che però non sono riusciti a risolvere i disagi. “Si tratta di problemi che negli anni i diversi direttori generali non sono riusciti a risolvere – continua Cugliara – Ora confidiamo nelle capacità gestionali dell’attuale amministratore straordinario. La struttura di via Logudoro deve essere rimessa a norma, i dipendenti non possono lavorare in quelle condizioni. Oltretutto appare incomprensibile la scelta di continuare ad operare in locali fatiscenti, mentre esistono degli spazi accoglienti e inutilizzati nella cittadella della salute di via Romagna”.


In questo articolo: