Cagliari, tre ko in 7 giorni per Lopez: è sconfitta anche a Verona

Zero punti in tre partite, un solo gol segnato, 2 vittorie in 11 gare: il tecnico rossoblù è in bilico e la classifica si fa pericolosa


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

I rossoblù incappano nella terza sconfitta consecutiva e il distacco dalla terz’ultima in classifica si riduce ad un solo punto.

Diego Lopez mischia le carte contro il Verona. Al centro della difesa trova posto Ariaudo al fianco di Astori con il dirottamento di Rossettini sull’out di destra, ruolo già ricoperto dal difensore padovano quando militava nel Siena. Il tandem d’attacco è composto da Sau e la sorpresa Nenè supportati nella trequarti da Mati Cabrera. Cossu è fuori a causa di un attacco febbrile.

Dopo otto minuti il Cagliari è già in svantaggio dimostrando ancora una volta le lacune sui calci da fermo. Su calcio d’angolo Luca Toni, dopo essersi liberato della marcatura di Rossettini, con un colpo di testa sigla l’1-0 per i gialloblù.

Entrambe le squadre cercano di proporre un gioco palla a terra ma i rossoblù sono lenti e prevedibili, Cabrera è fuori dal gioco e costringe Conti agli straordinari nell’impostazione del gioco. Il possesso palla è a favore degli uomini di Lopez ma il predominio territoriale non porta benefici e il primo tempo termina senza chiare occasioni da goal da una parte e dall’altra con il portiere Rafael praticamente inoperoso e Agazzi chiamato in causa in due sole circostanze. Da segnalare l’uscita anticipata di Sau al 46’ per infortunio. Al suo posto entra Ibarbo.

Nella seconda frazione di gioco il Cagliari sembra essere entrato con un piglio diverso rispetto alla prima parte di gara e al 6’, su uno svarione di Cacciatore, Avelar va vicino al goal. Il tecnico uruguaiano sostituisce un abulico Cabrera con Ibraimi ma subito dopo il Verona raddoppia: Jankovic, dal vertice sinistro dell’area, chiede il triangolo e lo chiude mettendo la palla alle spalle di Agazzi. Rossettini  è colpevole anche nel raddoppio perdendo  la marcatura sul serbo. I rossoblù cercano di reagire e le conclusioni verso la porta veronese arrivano prevalentemente dalla distanza. Al 28’ Ibarbo viene lanciato a rete ma Nenè, in fuorigioco, partecipa all’azione stoppando il pallone per il colombiano vanificando una chiara occasione da rete. I rossoblù cercano di accorciare le distanze chiudendo gli scaligeri nella loro metà campo e trovano il goal con capitan Conti al 45’ ma nel recupero non ci sono altri sussulti.

Dopo questa sconfitta si cercherà di capire se il presidente Cellino vuole confermare Diego Lopez o cambiare la guida tecnica della squadra.

VERONA: Rafael; Cacciatore, Gonzalez, Maietta, Agostini; Romulo, Hallfredsson (72’ Sala), Jorginho; Iturbe (88’ Longo), Jankovic (61’ Donati), Toni. All.: Mandorlini

CAGLIARI: Agazzi; Rossettini (81’ Pisano), Ariaudo, Astori, Avelar; Dessena, Nainggolan, Conti; Cabrera (57’ Donati); Sau (46’ Ibarbo), Nenè. All.: Lopez

Reti: 8’ Toni, 58’ Jankovic, 90’ Conti

 

Roberto Scalas


In questo articolo: